Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Bonus » Superbonus » Superbonus, credito “non spettante” e “inesistente”: differenze e sanzioni

Superbonus, credito “non spettante” e “inesistente”: differenze e sanzioni

Superbonus, credito “non spettante” e “inesistente”: differenze e sanzioniSuperbonus, credito “non spettante” e “inesistente”: differenze e sanzioni
Ultimo Aggiornamento:

Vista la grande confusione legata all’usufrutto dei crediti d’imposta – in particolare da quando sono state introdotte le normative antifrode per via delle truffe dei crediti “inesistenti” legate al Superbonus e al Bonus Facciate – si rende necessario fornire alcuni chiarimenti.

La definizione di credito d’imposta “inesistente” è stata introdotta all’art. 13 del D.lgs. n. 471 del 18 dicembre 1997 dal Decreto di revisione del sistema sanzionatorio amministrativo, ovvero il D.lgs. n. 158 del 24 settembre 2015.

La definizione di credito d’imposta “non spettante” invece, si spiega, si deve interpretare tenendo conto della stessa definizione di credito “inesistente”, ma intesa “al contrario”.

Le sanzioni applicabili in caso di crediti inesistenti saranno chiaramente maggiori rispetto a quelle previste per l’usufrutto indebito di crediti non spettanti.

Approfondiamo di seguito.

Leggi anche: “Bonus facciate ed Ecobonus: falsi crediti per 670 milioni

Superbonus, credito “non spettante” o “inesistente”: cosa si intende?

Secondo la normativa vigente, si intende per credito d’imposta “inesistente”:

“[…] il credito in relazione al quale manca, in tutto o in parte, il presupposto costitutivo e la cui inesistenza non sia riscontrabile mediante controlli di cui agli articoli 36-bis e 36-ter del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, e all’articolo 54-bis del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633.

In sostanza, perché un soggetto possa essere accusato di aver fruito del Superbonus (o di un altro tra i Bonus Casa che concedono la scelta delle opzioni alternative alla detrazione) mediante l’invenzione di “crediti inesistenti”, è necessario che questi crediti soddisfino entrambi i requisiti di:

  1. Mancanza del presupposto costitutivo;
  2. Inesistenza riscontrabile mediante controlli.

Se anche uno solo tra i due requisiti non dovesse essere attribuibile al credito in oggetto, questo non potrebbe essere considerato “inesistente”.

Difatti, qualora il presupposto costitutivo del credito dovesse essere riscontrato, o l’esistenza del credito risultasse dai controlli effettuati, questo vorrebbe dire che il credito è reale – perché maturato da lavori realmente eseguiti – e pertanto non potrà essere inesistente.

La condizione di credito “non spettante”, di conseguenza, si verifica quando un credito – pur derivando da lavori realmente eseguiti – viene fruito da un contribuente in maniera indebita o errata.

Crediti non spettanti o inesistenti: definizioni e differenze

Abbiamo parlato di recente dell’argomento nell’articolo: “Superbonus: sconto in fattura con errori, ravvedimento, sanzioni”, dove abbiamo trattato la risposta ad interpello n. 348 del 14 giugno 2023 dell’Agenzia delle Entrate.

Qui il Fisco spiegava che una prima interpretazione delle differenze tra le due tipologie di credito, è stata fornita con la Risoluzione n. 36/E dell’8 maggio 2018, dove si specifica che dalla “definizione normativa di credito inesistente” bisogna “a contrario, far derivare la definizione di credito non spettante”.

In sostanza, si chiarisce che per poter qualificare un credito come inesistente:

[…] è necessario che lo stesso sia ancorato ad una situazione non reale o non vera, «ossia priva di elementi giustificativi fenomenicamente apprezzabili, se non anche con connotazioni di fraudolenza», non rilevabile attraverso l’attività di controllo automatizzato o formale, in conseguenza del confronto tra i dati esposti in dichiarazione e i documenti conservati ed esibiti dal contribuente”.

Perché un credito possa essere considerato non spettante:

[…] è necessario, invece, che la non sussistenza dei presupposti costitutivi del credito sia intercettabile in sede di controllo automatizzato o formale.

La necessità di poter distinguere le due tipologie di crediti d’imposta, si è resa indispensabile al fine di:

  • Tenere conto della molteplicità dei crediti agevolativi presenti in ambito fiscale per come diversamente configurati dalle singole leggi istitutive;
  • Evitare che, ad un contribuente inadempiente per via di elementi solo formali, possa essere applicata una sanzione particolarmente grave, al pari di quelle previste per chi invece ha commesso degli errori sostanziali di maggiore entità;
  • Evitare, come sopra, che si possano applicare le sanzioni più gravi – previste per i crediti “inesistenti” – ai casi di fruizione indebita di un credito in compensazione che risulta essere esistente dai controlli automatizzati.

Superbonus: sanzioni per crediti non spettanti o inesistenti

Lo stesso art. 13 del D.lgs. n. 471/1997 che abbiamo visto prima, stabilisce anche le sanzioni applicabili sia per quanto riguarda i crediti inesistenti che i crediti non spettanti.

In particolare, per i casi di utilizzo indebito o errato di un credito d’imposta esistente, il comma 4 stabilisce che si debba applicare una sanzione pari al 30% dell’importo totale del credito non spettante utilizzato.

Se invece dovessero essere riscontrati dei crediti d’imposta inesistenti, la sanzione da applicare è quella stabilita al comma 5, ovvero da un minimo del 100% ad un massimo del 200% della misura dei crediti stessi.

Viene fatto presente che – per i casi di crediti d’imposta inesistenti – in nessun caso alle sanzioni può essere applicata la definizione agevolata di cui al D.lgs. n. 472 del 18 dicembre 1997, all’art. 16 comma 3, e all’art. 17, comma 2.

Richiedi informazioni per Bonus, Bonus Facciate, Cessione del Credito, Detrazioni Fiscali, Economia e Finanza, Notizie, Superbonus

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Decreto Superbonus è legge: ecco come funziona nel 2024Decreto Superbonus è legge: ecco come funziona nel 2024

Decreto Superbonus è legge: ecco come funziona nel 2024

21/02/2024 10:30 - Con l'approvazione definitiva del decreto Superbonus, si conclude l'era dell'incentivo al 110% per i lavori di efficientamento energetico, introducendo una detrazione ridotta al 70% dal 2024.
Superbonus 70% 2024: la guida completaSuperbonus 70% 2024: la guida completa

Superbonus 70% 2024: la guida completa

09/01/2024 09:19 - Il Superbonus cambia ancora volto nel 2024 con una serie di nuove regole sugli [..]
Il conto alla rovescia per il Superbonus: le soluzioni allo studioIl conto alla rovescia per il Superbonus: le soluzioni allo studio

Il conto alla rovescia per il Superbonus: le soluzioni allo studio

22/12/2023 09:10 - Il governo italiano [..]
TAGS: credito, credito imposta, credito inesistente, credito non spettante, Superbonus

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!