Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Bonus » Bonus amianto 2024: l’incentivo per la rimozione dell’amianto

Bonus amianto 2024: l’incentivo per la rimozione dell’amianto

Bonus amianto 2024: l’incentivo per la rimozione dell’amiantoBonus amianto 2024: l’incentivo per la rimozione dell’amianto
Ultimo Aggiornamento:

L’eliminazione dell’amianto dagli edifici non è solo una necessità sanitaria, ma anche un’opportunità di risparmio fiscale significativa.

Recentemente, l’Agenzia delle Entrate ha ribadito la detraibilità delle spese per la rimozione dell’amianto, confermando il sostegno economico a privati e imprese.

Ma quali sono esattamente i benefici fiscali attualmente disponibili? E come si possono ottenere al massimo questi vantaggi? Scopriamolo insieme.

Smaltimento amianto con il Bonus Ristrutturazioni

Tra i benefici offerti dallo Stato, spicca il Bonus Ristrutturazioni che include anche la bonifica dall’amianto. Le spese per la rimozione e lo smaltimento dell’amianto possono beneficiare di una detrazione fiscale del 50%, calcolata su un massimo di 96mila euro, e ripartita in 10 rate annuali di pari importo.

Questo incentivo non solo facilita la gestione economica dell’intervento ma contribuisce anche alla riqualificazione del patrimonio edilizio italiano. Tuttavia, è importante notare che a partire dal 1° gennaio 2025, le condizioni cambieranno: l’aliquota scenderà al 36% e il tetto di spesa sarà ridotto a 48mila euro.

Leggi anche: Bonifica amianto: incentivi concessi a prescindere dall’intervento

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che le spese per la bonifica dall’amianto sono detraibili indipendentemente dalla categoria edilizia dell’immobile e a prescindere dalla realizzazione di interventi di recupero del patrimonio edilizio.

Questo significa che anche le spese minime, come quelle per il trasporto dell’amianto in discarica, possono essere portate in detrazione.

Rimozione amianto con Ecobonus e il Superbonus

Oltre al bonus ristrutturazioni, il governo italiano ha esteso le opportunità di detrazione anche agli interventi di rimozione dell’amianto effettuati in concomitanza con lavori di efficientamento energetico, grazie all’Ecobonus e al Superbonus.

Approfondisci: Ecobonus 2024: La guida all’incentivo, gli interventi e i massimali di spesa

Questi incentivi permettono di ottenere una detrazione fiscale del 65% per interventi di riqualificazione energetica globale, con un tetto massimo di spesa di 100mila euro.

Per il Superbonus, che offre una detrazione fino al 70%, è fondamentale dimostrare che la rimozione dell’amianto sia strettamente connessa ai lavori di efficientamento energetico per essere ammissibile.

Questi incentivi non solo promuovono la sicurezza sanitaria ma anche l’efficienza energetica degli edifici, con un doppio vantaggio per il proprietario e per l’ambiente.

Piano di lavoro Amianto: un documento essenziale

Il Piano di lavoro Amianto è un documento fondamentale richiesto dalla normativa italiana per gestire in modo sicuro e conforme tutte le operazioni di rimozione e smaltimento dell’amianto.

Questo piano è obbligatorio per qualsiasi attività che preveda l’intervento su materiali contenenti amianto, sia in strutture residenziali che in ambienti di lavoro.

Obiettivi del Piano di lavoro Amianto:

  • Garantire la Sicurezza: Proteggere la salute degli operatori e della popolazione dall’esposizione alle fibre di amianto, che sono notoriamente pericolose e cancerogene.
  • Compliance Legale: Assicurare che tutte le operazioni di bonifica si svolgano in conformità con le leggi vigenti, evitando sanzioni e garantendo la corretta gestione dei rifiuti pericolosi.

Contenuti del Piano:

  • Identificazione dell’area di intervento: Descrizione dettagliata dell’area dove si trovano i materiali contenenti amianto.
  • Metodologie di lavoro: Specifica delle tecniche e delle procedure adottate per la rimozione, l’incapsulamento, il confinamento e lo smaltimento dell’amianto.
  • Misure di sicurezza: Elenco delle misure di protezione individuale e collettiva, inclusi dispositivi di protezione personale e sistemi di ventilazione.
  • Monitoraggio ambientale e sanitario: Programma di monitoraggio della presenza di fibre di amianto nell’aria e sorveglianza sanitaria periodica degli operatori esposti.
  • Gestione dei rifiuti: Procedure per il corretto smaltimento dei materiali di risulta contenenti amianto, secondo le normative sui rifiuti pericolosi.

Procedura di Approvazione

Prima di iniziare qualsiasi lavoro di bonifica, il Piano di lavoro Amianto deve essere inviato e approvato dall’Asl (Azienda sanitaria locale) o da altri organi competenti. Questo passaggio è cruciale per poter procedere legalmente con le operazioni di rimozione dell’amianto.

Il Piano di lavoro Amianto è quindi uno strumento essenziale per garantire che le attività di rimozione dell’amianto vengano svolte in maniera sicura, efficace e conforme alle normative vigenti, proteggendo sia gli operatori che l’ambiente da possibili contaminazioni.

Leggi anche: Bonifica Amianto: le fasi dello smaltimento, i ruoli, i pro e i contro

Bando ISI dell’INAIL

Ogni anno, l’INAIL mette a disposizione risorse finanziarie tramite Avvisi pubblici regionali o provinciali per supportare le imprese negli investimenti relativi alla salute e sicurezza sul lavoro.

Il finanziamento a fondo perduto può coprire fino al 65% delle spese ammissibili, con un importo che varia tra un minimo di 5mila euro e un massimo di 130mila euro.

Il bando ISI 2023 ha aperto le procedure per la compilazione delle domande il 15 aprile 2024, e chiuderà il 30 maggio 2024, offrendo un’opportunità preziosa per le imprese di ridurre significativamente i costi di bonifica.

Decreti FER 2

Il nuovo Decreto FER 2 mira a incentivare l’installazione di impianti a fonti rinnovabili, soprattutto per quegli edifici che sostituiscono coperture in amianto con nuovi impianti. Questi incentivi sono particolarmente rilevanti per gli impianti fotovoltaici che sostituiscono l’eternit.

Leggi anche: Impianto fotovoltaico con accumulo: cosa c’è da sapere? Costi e detrazioni fiscali

Oltre agli incentivi sull’energia prodotta, i proprietari beneficeranno di un premio aggiuntivo di 12 €/MWh per tutta l’energia generata. Questo approccio non solo promuove la rimozione di materiali nocivi ma incoraggia anche l’adozione di soluzioni energetiche sostenibili, contribuendo a un duplice obiettivo ambientale e di salute pubblica.

Richiedi informazioni per Bonus, Detrazioni Fiscali, Fondi Pubblici, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Crollo del Superbonus: come le nuove normative hanno ridotto drasticamente gli investimentiCrollo del Superbonus: come le nuove normative hanno ridotto drasticamente gli investimenti

Crollo del Superbonus: come le nuove normative hanno ridotto drasticamente gli investimenti

07/06/2024 11:39 - Le nuove normative del Superbonus 2024 hanno ridotto drasticamente gli investimenti e le detrazioni maturate, segnando una svolta significativa nella politica di incentivazione fiscale per l'edilizia.
Decreto Superbonus: cosa cambia per detrazioni, cessioni e controlliDecreto Superbonus: cosa cambia per detrazioni, cessioni e controlli

Decreto Superbonus: cosa cambia per detrazioni, cessioni e controlli

04/06/2024 08:33 - Il Decreto Superbonus [..]
Superbonus: ultime notizie sull'emendamento spalma detrazioniSuperbonus: ultime notizie sull'emendamento spalma detrazioni

Superbonus: ultime notizie sull'emendamento spalma detrazioni

16/05/2024 07:50 - Le recenti modifiche normative relative al Superbonus introducono una spalmatura [..]
Bonus bollette 2024: come richiederlo, a quanto ammonta e a chi spettaBonus bollette 2024: come richiederlo, a quanto ammonta e a chi spetta

Bonus bollette 2024: come richiederlo, a quanto ammonta e a chi spetta

14/05/2024 09:30 - Il Bonus Bollette 2024 [..]
TAGS: amianto, bonifica amianto, bonus ristrutturazioni, Decreto FER 2, detrazione fiscale, ecobonus, inail, incentivi energetici, Piano di Lavoro amianto, Superbonus

Autore: Andrea Dicanto

Autore Andrea Dicanto
Appassionato Progettista esperto nel settore dell'Edilizia, delle Costruzioni e dell'Arredamento. Fin da giovane ho sempre studiato ed analizzato problematiche che vanno dalle questioni statiche di edifici e costruzioni fino al miglior modo di progettare ed arredare gli spazi interni, strizzando l'occhio alle nuove tecnologie soprattutto in ambito sismico.

Leggi tutti i miei articoli | Visita il mio profilo Linkedin

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!