Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Tasse e Imposte » TARI 2024: variabili in base agli impianti di smaltimento esistenti

TARI 2024: variabili in base agli impianti di smaltimento esistenti

TARI 2024: variabili in base agli impianti di smaltimento esistentiTARI 2024: variabili in base agli impianti di smaltimento esistenti
Ultimo Aggiornamento:

Sono state aggiornate al 2024 le Linee guida interpretative per l’applicazione di quanto disposto dalla Legge di Bilancio 2014 (art. 1 comma 653), in relazione alla TARI e all’obbligo per i comuni di determinare i costi tenendo conto anche delle risultanze dei fabbisogni standard, come previsto dalla Delibera ARERA del 3 agosto 2021.

Sono state pubblicate inoltre le nuove disposizioni riguardanti il calcolo delle variabili relative alla dotazione impiantistica, in riferimento alla TARI 2024.

Leggi anche: “TARI: aggiornamento biennale ARERA 2024-2025, cosa cambia?

TARI 2024: come procedere al calcolo delle variabili

La Nota di calcolo delle variabili relative alla dotazione impiantistica è consultabile nello specifico all’Allegato 4 delle suddette Linee guida alla determinazione dei costi per la TARI 2024.

Qui si specifica innanzitutto che è possibile consultare, nella sezione dedicata sul sito dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) la banca dati contenente:

  1. Tutte le informazioni utili al calcolo delle variabili relative alla dotazione impiantistica;
  2. Il numero degli impianti regionali;
  3. La percentuale dei rifiuti urbani trattati e smaltiti negli impianti regionali.

Accedendo alla pagina dell’ISPRA indicata, si vedrà in alto a sinistra un menu a tendina da cui sarà possibile selezionare la tipologia di impianto, per poi procedere con il calcolo delle variabili.

Selezionando la voce “Tutti gli impianti” si potrà calcolare per ogni regione il totale dei rifiuti urbani trattati e smaltiti, che è composto dalla somma delle tonnellate di rifiuti indicate:

  • Nella colonna “ RU (t)” della tabella Compostaggio;
  • Nella colonna “ RU (t)” della tabella Trattamento integrato aerobico e anaerobico;
  • Nella colonna “Frazione organica da RU (t)” della tabella Digestione anaerobica;
  • Nella colonna “ RU e tratt. RU (t)” della tabella Trattamento meccanico biologico (TMB);
  • Nella colonna “ RU e tratt. RU (t)” della tabella Incenerimento;
  • Nella colonna “ RU e tratt. RU (t)” della tabella Coincenerimento;
  • Nella colonna “ RU e tratt. RU (t)” della tabella Smaltimento in discarica.

Impianti di compostaggio, compostaggio/digestione, digestione anerobica

Sempre utilizzando il menu a tendina di cui sopra – se si seleziona una delle voci dedicate agli impianti di compostaggio, agli impianti integrati di compostaggio e digestione o agli impianti digestione anerobica – si ottengono i dati necessari per la determinazione delle variabili relative a:

  1. “Numero di impianti regionali di compostaggio, digestione aerobica e trattamento integrato”, in cui bisognerà sommare, in riferimento alla regione di interesse, i valori presenti nella colonna “Numero impianti” delle tabelle Compostaggio, Trattamento integrato aerobico e anaerobico e Digestione anaerobica, aventi i corrispondenti valori delle colonne “ RU (t)” o “Frazione organica da RU (t)” diversi da zero.
  2. “Percentuale di rifiuti urbani trattati negli impianti regionali di compostaggio, digestione aerobica e trattamento integrato”, dove si dovranno sommare, sempre per la regione di interesse, i valori presenti nella colonna “ RU (t)” delle tabelle Compostaggio e Trattamento integrato aerobico e anaerobico, con i valori contenuti nella colonna “Frazione organica da RU (t)” della tabella Digestione anaerobica. Il risultato ottenuto dovrà poi essere diviso per il totale dei rifiuti urbani trattati e smaltiti nella regione.

Impianti di trattamento meccanico-biologico

Per il calcolo delle variabili TARI 2024 relative agli impianti di trattamento meccanico biologico si dovrà selezionare la relativa voce dal menu a tendina.

Si potranno consultare a quel punto i dati relativi alle seguenti variabili:

  1. “Numero di impianti regionali di trattamento meccanico biologico”, in cui occorrerà considerare, in riferimento alla regione di interesse, il valore presente nella colonna “Numero impianti” della tabella Trattamento meccanico biologico (TMB), avente il corrispondente valore della colonna “ RU e tratt. RU (t)” diverso da zero.
  2. “Percentuale di rifiuti urbani trattati negli impianti regionali di trattamento meccanico biologico”, in cui si dovrà dividere, per la regione di interesse, il valore presente nella colonna “ RU e tratt. RU (t)” della tabella Trattamento meccanico biologico (TMB) per il totale dei rifiuti urbani trattati e smaltiti nella regione.

Impianti di incenerimento e coincenerimento

Selezionando dal menu le relative voci sarà possibile conoscere le informazioni utili al calcolo delle variabili:

  1. “Numero di impianti regionali di incenerimento e coincenerimento”, per cui si dovranno sommare, per la regione di interesse, i valori presenti nella colonna “Numero impianti” delle relative tabelle Incenerimento e Coincenerimento, aventi i corrispondenti valori della colonna “ RU e tratt. RU (t)” diversi da zero.
  2. “Percentuale di rifiuti urbani smaltiti negli impianti regionali di incenerimento e coincenerimento”, dove si dovranno sommare, per la regione di interesse, i valori contenuti nella colonna “ RU e tratt. RU (t)” delle tabelle Incenerimento e Coincenerimento, per poi dividere il risultato per il totale dei rifiuti urbani trattati e smaltiti nella regione.

Impianti di discarica

In relazione, infine, al calcolo delle variabili per la determinazione della TARI 2024 relativa ad impianti di smaltimento in discarica, selezionando la relativa voce dal menu, sarà possibile consultare i dati relativi a:

  1. “Numero di discariche regionali”, in cui si dovrà sommare il valore presente nella colonna “Numero impianti” della tabella Smaltimento in discarica, avente il corrispondente valore della colonna “ RU e tratt. RU (t)” diverso da zero.
  2. “Percentuale di rifiuti urbani smaltiti nelle discariche regionali”, dove si dovrà dividere, per la regione di interesse, il valore della colonna “ RU e tratt. RU (t)” della tabella Smaltimento in discarica per il totale dei rifiuti urbani trattati e smaltiti nella regione.

Richiedi informazioni per Economia e Finanza, Notizie, Tasse e Imposte

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024

Cedolare secca 2024: cos'è, come funziona e cosa cambia nel 2024

08/06/2024 10:49 - La cedolare secca è un regime fiscale alternativo all'IRPEF per gli affitti, con aliquote del 21%, 10% e 26% per locazioni brevi, offrendo vantaggi come l'esenzione da altre tasse.
IMU sulla seconda casa disabitata e inabitabile: si paga?IMU sulla seconda casa disabitata e inabitabile: si paga?

IMU sulla seconda casa disabitata e inabitabile: si paga?

26/03/2024 11:52 - L'IMU, imposta municipale sugli immobili, si applica con regole specifiche, [..]
Saldo IVA 2023: scadenze (oggi) e modalità di pagamentoSaldo IVA 2023: scadenze (oggi) e modalità di pagamento

Saldo IVA 2023: scadenze (oggi) e modalità di pagamento

18/03/2024 12:18 - Il 18 marzo 2024 è la scadenza per il versamento dell'IVA 2023, con opzioni di [..]
TAGS: tari, tari 2024

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!