Super e Iper Ammortamento: sostituiti da doppio credito d’imposta

super iper ammortamento

Con la Legge di Bilancio 2020 è effettiva la sostituzione di super e iper ammortamento con credito d’imposta. La decisione è stata presa dal MISE (Ministero dello Sviluppo Economico), con il nuovo Piano Industria 4.0, che prevede numerose agevolazioni per le imprese.

L’obbiettivo è quello di agevolare soprattutto le piccole e medie imprese, che troppo spesso non riescono a stare alla pari delle grandi aziende riguardo allo sviluppo tecnologico. E perdono così molti possibili profitti.

Dal 1° gennaio 2020, il super e l’iper ammortamento non esistono più, perché sono stati trasformati in crediti d’imposta.

Super e Iper Ammortamento: ora crediti in compensazione diretta

L’iper ammortamento e il super ammortamento erano due misure incentivanti. La prima, volta ad agevolare i costi per le imprese che intendevano avvicinarsi al mondo digitale e innovativo. La seconda invece, concedeva grandi agevolazioni per l’acquisto dei beni materiali necessari per lo sviluppo tecnologico.

Secondo il MISE, la trasformazione di super e iper ammortamento e la nascita di un doppio credito d’imposta, porterà numerosi vantaggi per le imprese.

Prima di tutto, le nuove disposizioni concedono l’ampliamento della platea dei beneficiari, che ora comprende il 40% in più delle imprese.

In secondo luogo poi, queste potranno usufruire delle agevolazioni in tempi molto minori rispetto a prima. Infatti potranno beneficeranno del credito d’imposta a partire dal gennaio successivo alla data del finanziamento. I crediti saranno concessi con uso in compensazione diretta F24.

Quali sono le novità

L’iper ammortamento diventerà un credito d’imposta con le seguenti modalità:

  • Per investimenti fino a 2,5 milioni di euro, credito d’imposta al 40%, e beneficio fiscale all’8% all’anno su 5 anni;
  • Da 2,5 milioni a 10 milioni di investimento, credito d’imposta al 20%, e beneficio fiscale da 8% a 5% all’anno su 5 anni.

Per quanto riguarda invece l’iper ammortamento sui beni immateriali, ecco le disposizioni:

  • Credito d’imposta a 15%;
  • Beneficio fiscale del 5% all’anno su 3 anni.

L’agevolazione relativa all’acquisto di beni materiali necessari per lo sviluppo digitale, ovvero il super ammortamento è anch’esso sostituito da un credito d’imposta. Si prevedono le seguenti agevolazioni:

  • È possibile un massimo di 2 milioni di euro di investimento;
  • Credito d’imposta pari al 6%;
  • Beneficio fiscale di 1,2% all’anno su 5 anni.

 




Uretek