Porta scorrevole: quante e quali tipologie esistono?

porta scorrevole


La porta scorrevole è una scelta estetica che consente di rendere più elegante l’ambiente e di migliorarne lo stile.

Ma non è finita qui, perché ovviamente questo tipo di porta ha anche dei vantaggi funzionali. Risulta ideale, per esempio, per chi non ha un’abitazione particolarmente grande, e desidera ricavare più spazio possibile.

I vari tipi di porta scorrevole si distinguono prima di tutto per le caratteristiche, e poi anche per i materiali utilizzati per la loro realizzazione. Vediamo quante e quali tipologie esistono in commercio.

Porta scorrevole: a scomparsa, a parete o esterna?

La prima tipologia che potete scegliere è la porta scorrevole a scomparsa, che è quella che vi consente di conservare maggiore spazio all’interno dell’ambiente. Si tratta infatti di un genere di porta che viene installata direttamente all’interno della parete. E che, quando è aperta, scompare al suo interno. Mentre per chiuderla, basterà farla scorrere accompagnandola con la mano. Richiede un’entità di lavoro notevole, perché il muro dev’essere abbastanza spesso da poter contenere un telaio al suo interno. E perché, appunto, per installarla è necessario intervenire proprio nella parte interna della parete.

Un’altra tipologia molto amata è invece quella della parete scorrevole. È generalmente la più dispendiosa perché, appunto interesserà un’intera parete. Però, anche in questo caso, vi potrà servire ad ottenere molto spazio all’interno dell’abitazione. In questo modo, quello che avrete non sarà solo una porta, ma una vera e propria parete divisoria tra due aree. L’installazione richiede tempo e denaro, ma il risultato, sia estetico che funzionale, sarà eccellente.

Se invece non volete compiere interventi di entità così grande in termini economici e ristrutturativi, potete optare per la porta scorrevole esterna. Questa è la tipologia più semplice da montare, perché richiederà solamente l’aggiunta di un binario posto a ridosso dell’entrata. La porta in questione non necessiterà di interventi ingenti sulla parete, perché non andrà ad inserirsi al suo interno. Sarà invece una soluzione funzionale ed economica per risparmiare spazio, e dare anche un tocco estetico di stile all’arredamento.

Advertisement - Pubblicità


Le tipologie in base ai materiali

Come accennavamo prima però, la scelta della porta scorrevole dipende anche dai materiali che si vuole utilizzare. Questa decisione può dipendere sia dal budget che si possiede per l’acquisto, sia dalla necessità di inserire al meglio questo nuovo complemento nello stile di arredamento già presente in casa.

La porta scorrevole può essere quindi realizzata in:

  • Legno. È la tipologia più scelta perché si adatta facilmente a qualsiasi genere di ambiente. Risulta inoltre molto versatile e personalizzabile, perché ne esistono con tantissime finiture e colori differenti. Una perfetta soluzione senza tempo;
  • Vetro. In questo caso si va decisamente su uno stile più contemporaneo e raffinato ma, certamente anche più dispendioso. Anche questa tipologia offre numerose soluzioni tra le quali scegliere, che comprendono tanti colori ed effetti. Questo genere di porta scorrevole è ideale per far entrare tanta luce;
  • PVC. È la tipologia di porta scorrevole più giovane tra tutte, ed è sicuramente anche la più economica. Facile da installare, da adattare e anche molto personalizzabile. Offre inoltre uno scorrimento molto fluido perché i pannelli risultano particolarmente leggeri.




Altri approfondimenti ed Articoli Correlati


  Tags:
  Categorie: