Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Notizie » Bonus Psicologo 2022: pronte tutte le istruzioni, come richiederlo

Bonus Psicologo 2022: pronte tutte le istruzioni, come richiederlo

Bonus Psicologo 2022: pronte tutte le istruzioni, come richiederloBonus Psicologo 2022: pronte tutte le istruzioni, come richiederlo
Ultimo Aggiornamento:

Il Bonus Psicologo 2022 è stato introdotto con l’entrata in vigore del DL n. 228 del 30 dicembre 2021, convertito con modificazioni dalla Legge n. 15 del 25 febbraio 2022.

L’incentivo è stato ideato per via dell’incremento delle condizioni di depressione, ansia e stress, conseguenti al periodo emergenziale legato alla pandemia da Covid-19 e alla relativa crisi economica.

Il Bonus Psicologo concede pertanto un contributo a favore dei cittadini che intendono frequentare sessioni di psicoterapia. Vediamo in cosa consiste e come si invia la richiesta.

Bonus Psicologo 2022: beneficiari, requisiti, importi

Con la Circolare n. 83 del 19 luglio 2022 sono state definite modalità e istruzioni operative per l’invio della richiesta di ottenimento del Bonus Psicologo 2022, che sarà gestito ed erogato dall’INPS.

Come stabilito dall’art. 2 del decreto del Ministero della Salute del 31 maggio 2022, possono beneficiare dell’incentivo:

le persone in condizione di depressione, ansia, stress e fragilità psicologica, a causa dell’emergenza pandemica e della conseguente crisi socio-economica, che siano nella condizione di beneficiare di un percorso psicoterapeutico.

Gli altri requisiti obbligatori richiesti per accedere all’agevolazione sono:

  1. Residenza in Italia al momento della presentazione della domanda;
  2. ISEE in corso di validità, ordinario o corrente, non superiore a 50.000 euro.

Il Bonus Psicologo 2022 può essere richiesto esclusivamente una volta da ogni beneficiario, e sarà concesso in misura differente sulla base dell’ISEE.

In particolare, gli importi saranno i seguenti:

  • Fino a 50 euro per seduta, e comunque fino ad un importo massimo di 600 euro, per i cittadini con ISEE inferiore a 15.000 euro;
  • Fino a 50 euro per seduta, e comunque fino ad un importo massimo di 400 euro, per i beneficiari con ISEE superiore a 15.000 euro e fino a 30.000 euro;
  • Fino a 50 euro per seduta, e comunque fino ad un importo massimo di 200 euro, per i cittadini con ISEE superiore a 30.000 euro e fino ad un massimo di 50.000 euro.

Invio richiesta: come fare, tempo fino al 24 ottobre

Con il Messaggio INPS n° 2905 del 21-07-2022, si comunica che le domande per richiedere il Bonus Psicologo 2022 potranno essere presentate a partire dal 25 luglio 2022 e fino al 24 ottobre 2022.

La richiesta può essere fatta in base a due modalità differenti:

  1. Per via telematica, accedendo al servizio “Contributo sessioni psicoterapia” sul sito dell’INPS, seguendo il percorso “Prestazioni e servizi” > “Servizi” > “Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche”;
  2. Chiamando il Contact Center dell’INPS al numero verde 803 164 da rete fissa (gratuito) o al numero 06 164 164 da rete mobile (a pagamento in base alla tariffa del proprio gestore).

ISEE con dati mancanti o errati: come si procede

Come abbiamo detto, per poter richiedere il Bonus Psicologo è necessario essere in possesso di un ISEE in corso di validità.

A questo proposito, si precisa che qualora alla domanda fosse allegato un ISEE contenente errori o dati mancanti, il beneficiario riceverà una comunicazione in cui gli sarà richiesto di presentare una nuova DSU, al fine di correggere l’ISEE, e presentare quindi la domanda di accesso all’incentivo.

In seguito alla ricezione della comunicazione, il cittadino potrà (entro un tempo massimo di 30 giorni dalla data di scadenza di presentazione delle domande – 24 ottobre – quindi fino al 24 novembre) procedere in 3 modi:

  1. Presentare una nuova DSU, con incluse le informazioni omesse o errate del modulo precedente;
  2. Correggere la DSU in corso di validità, con effetto retroattivo. Opzione possibile solo se la DSU è stata presentata tramite CAF e solo qualora si possa dimostrare che l’errore materiale è stato commesso dal CAF;
  3. Presentare comunque la domanda di accesso al Bonus Psicologo con una DSU contenente dati errati o omessi. In questi casi, l’INPS richiederà successivamente al beneficiario di integrare la documentazione necessaria per completare e/o modificare i dati mancanti o errati. Se, trascorso il termine ultimo indicato per le correzioni (24 novembre 2022), il cittadino non dovesse ancora aver provveduto a modificare l’ISEE, la domanda sarà considerata “improcedibile”, e quindi sarà rifiutata.

Possibile presentare domanda per minori, interdetti, inabilitati

Il cittadino può fare richiesta di accesso al Bonus Psicologo 2022 per se stesso, oppure può fare da intermediario a favore di un soggetto impossibilitato, come:

  • Bambini e ragazzi minorenni. La domanda potrà essere presentata da un genitore, tutore, affidatario, e in generale da chi esercita la responsabilità genitoriale nei confronti del soggetto beneficiario;
  • Soggetti interdetti, inabilitati o beneficiari dell’amministrazione di sostegno. Per i soggetti interdetti la richiesta dovrà essere presentata dal tutore, per i soggetti inabilitati invece dal curatore, mentre per i beneficiari dell’amministrazione di sostegno dovrà occuparsene lo stesso amministratore di sostegno.

Chi si occupa della pratica per conto di un altro, sarà tenuto a dichiarare, sotto la propria responsabilità, che il soggetto beneficiario dispone di tutti i requisiti richiesti per l’accesso al beneficio. Sarà richiesto di autocertificare tali requisiti al momento della presentazione della domanda.

Bonus Psicologo 2022: assegnazione contributo con codice univoco

Trascorsi i termini ultimi per la presentazione delle domande e per l’eventuale rettifica dell’ISEE, le richieste pervenute saranno sottoposte ad istruttoria automatizzata centralizzata.

In seguito ai controlli, l’esito sarà reso disponibile accedendo alla sezione “Ricevute e provvedimenti” sul sito dell’INPS. Il richiedente riceverà inoltre un’e-mail o una notifica SME, in base ai contatti indicati al momento della presentazione della domanda.

In caso di domanda accolta, nella sezione sarà possibile consultare l’importo del beneficio spettante. Il contributo sarà tracciato con un codice univoco che il beneficiario dovrà consegnare al professionista presso il quale intende svolgere le sessioni di psicoterapia.

L’INPS provvederà inoltre a pubblicare una graduatoria relativa all’assegnazione del beneficio. Le graduatorie saranno distinte per Regione e Province autonome. Una volta conclusa la definizione delle graduatorie, l’ente pubblicherà un apposito Messaggio sul proprio sito istituzionale.

A partire dalla data di pubblicazione di questo Messaggio, il beneficiario avrà un tempo massimo di 180 giorni per poter usufruire di tutte le sessioni di psicoterapia. Dopodiché, il codice univoco assegnato non sarà più valido.

In caso di codice univoco annullato, si spiega inoltre che: “le risorse non utilizzate sono riassegnate nel rispetto dell’ordine della graduatoria regionale o provinciale, individuando nuovi beneficiari”.

Valido fino ad esaurimento risorse: chi ha la precedenza?

Nella Circolare viene chiarito che il Bonus Psicologo sarà concesso fino all’esaurimento delle risorse disponibili, che sono pari a 10 milioni di euro per il 2022.

Per l’assegnazione dell’incentivo, sarà data innanzitutto priorità ai soggetti con ISEE più basso. Si legge poi che, a parità di ISEE, si terrà conto invece della data di presentazione della richiesta.

Qualora le risorse dovessero finire, le domande che sono state accolte rimarranno comunque tali. I beneficiari non riceveranno il contributo ma, in caso fossero assegnate in futuro nuove risorse per il Bonus Psicologo, tali soggetti saranno considerati idonei ai fini dell’ottenimento del beneficio.

Richiedi informazioni per Bonus, Detrazioni Fiscali, Dipendenti e Lavoratori, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Cappotto termico: il piano regolatore del comune può vietarlo?Cappotto termico: il piano regolatore del comune può vietarlo?

Cappotto termico: il piano regolatore del comune può vietarlo?

25/03/2024 15:25 - Una sentenza del TAR Lombardia ha stabilito che l'installazione di cappotti termici, per efficienza energetica, prevale sulle norme urbanistiche locali, segnando un passo verso la sostenibilità ambientale e l'innovazione edilizia.
TAGS: Bonus Psicologo, Bonus Psicologo 2022

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!