Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Leggi e Normative » Eliminazione barriere: possibile ignorare delibere assembleari contrarie

Eliminazione barriere: possibile ignorare delibere assembleari contrarie

Eliminazione barriere: possibile ignorare delibere assembleari contrarieEliminazione barriere: possibile ignorare delibere assembleari contrarie
Ultimo Aggiornamento:

Il tema dell’eliminazione delle barriere architettoniche segue dei principi che si basano sul garantire a chiunque le stesse possibilità, o comunque, nel favorire il più possibile che questo possa accadere.

In tale contesto, la normativa si rivolge in particolar modo alla tutela di disabili e anziani, più spesso soggetti a difficoltà motorie o di comprensione, ma in realtà l’ambito delle barriere architettoniche interessa ogni individuo che, per qualsiasi motivo, anche temporaneamente, sia impossibilitato a muoversi autonomamente o trovi difficoltà nel farlo.

Sono coinvolti pertanto principi di “solidarietà” collettiva – di cui altre volte abbiamo parlato (approfondisci qui) – e diritti che non possono essere ignorati, né negati.

Seguendo questo ragionamento, l’assemblea condominiale non può in alcun modo impedire che si installino nell’edificio dei mezzi o degli elementi che sono atti a favorire l’eliminazione delle barriere architettoniche.

Approfondiamo di seguito.

Eliminazione barriere: necessaria la delibera assembleare?

Il punto è stato ribadito di recente con la Circolare n. 17/E del 26 giugno 2023 che ha sottolineato quanto già spiegato con la Risoluzione n. 264/E del 25 giugno 2008.

Qui si trattava un caso di installazione di un ascensore in condominio, in cui un contribuente dichiarava di voler sostenere la spesa interamente, per l’installazione di un ascensore che sarebbe stato di proprietà del condominio, e quindi utilizzabile da tutti.

Il soggetto sosteneva che il comune aveva autorizzato l’avvio dei lavori, mentre l’assemblea condominiale non si era mai riunita per discuterne, pertanto non esisteva una delibera assembleare che autorizzasse l’installazione.

Ciò posto, il contribuente chiedeva di poter fruire della detrazione concessa dal Bonus Ristrutturazione, allora in misura pari al 36% e con massimale di 48.000 euro. Oggi l’incentivo è ammesso nella misura del 50%, con un massimale di 96.000 euro, fino al 31 dicembre 2024.

Se non dovesse essere disposta una proroga, l’agevolazione potrebbe tornare alle sue condizioni iniziali a partire dal 2025 (approfondisci qui).

Assemblea condominiale non può negare l’abbattimento barriere

L’Agenzia delle Entrate spiegò allora che non è necessaria la delibera di approvazione dell’assemblea, in quanto l’intervento era stato autorizzato dall’ufficio comunale competente e, inoltre, l’intervento realizzato è risultato essere conforme alle disposizioni del provvedimento abilitativo.

Trattandosi poi dell’installazione di un ascensore, l’assemblea non avrebbe comunque potuto negarlo, in quanto, si spiegava, l’intervento avrebbe concretizzato una realizzazione edilizia finalizzata all’abbattimento delle barriere architettoniche.

A tal proposito, la Circolare del 2023 specifica e riconferma ad oggi che:

I costi di installazione di un ascensore in un condominio, nell’ambito di interventi per la eliminazione delle barriere architettoniche, sono detraibili anche se i lavori non sono stati deliberati dall’assemblea ma sono stati autorizzati dal comune.

Per approfondire, leggi: “Ascensore in condominio: assemblea può rifiutarsi, ma non può impedirlo

Richiedi informazioni per Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?

Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?

15/02/2024 09:00 - La gestione della privacy in ambito condominiale, guidata dal GDPR e dalle sentenze della Corte di Cassazione, richiede pratiche attente per la comunicazione di dati personali, equilibrando la condivisione di informazioni necessarie con il rispetto della privacy dei condomini.
Installare un gazebo in condominio: norme e procedureInstallare un gazebo in condominio: norme e procedure

Installare un gazebo in condominio: norme e procedure

12/02/2024 08:28 - L'installazione di un gazebo in contesto condominiale richiede una pianificazione [..]
Esclusione agevolazioni Prima Casa per immobili di lussoEsclusione agevolazioni Prima Casa per immobili di lusso

Esclusione agevolazioni Prima Casa per immobili di lusso

08/02/2024 10:01 - Esaminando le norme italiane, si evidenzia come le proprietà di lusso siano [..]
TAGS: barriere architettoniche, eliminazione barriere

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!