Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Leggi e Normative » Casa in affitto: possibile fare modifiche e lavori?

Casa in affitto: possibile fare modifiche e lavori?

Casa in affitto: possibile fare modifiche e lavori?Casa in affitto: possibile fare modifiche e lavori?
Ultimo Aggiornamento:

La stipula di un contratto di locazione implica automaticamente la nascita di diritti e doveri, in capo sia al locatore che al conduttore.

Chi concede una casa in affitto avrà il dovere di consegnarla in buono stato, così come chi la riceve avrà il dovere di trattarla al meglio per tutto il periodo in cui ne avrà la disponibilità.

Ma un affittuario può realizzare lavori o apportare modifiche all’immobile?

Casa in affitto: diritti e doveri di locatore e conduttore

Quando si stipula un contratto che ha come oggetto una casa in affitto, il Codice Civile prevede determinate obbligazioni nei confronti delle due parti.

Nello specifico:

  1. Il locatore è tenuto a:
    • Consegnare al conduttore la casa in buono stato di manutenzione;
    • Mantenerla in stato da poter servire all’uso convenuto, in questo caso all’uso abitativo;
    • Garantire al conduttore il pacifico godimento della casa durante tutto il periodo di locazione.
  1. Il conduttore dovrà invece:
    • Prendere la casa in consegna esclusivamente per l’uso abitativo concordato;
    • Osservare la diligenza del “buon padre di famiglia” nel servirsene per l’uso abitativo, che può essere determinato nel contratto o presunto dalle circostanze;
    • Corrispondere al locatore il canone di locazione nei termini concordati nel contratto.

In caso di danni o di deterioramento dell’immobile durante la locazione, sarà l’affittuario a doverne rispondere, anche in caso di incendi, a meno che non si dimostri che le cause non siano a lui imputabili.

Il conduttore sarà responsabile, inoltre, anche di eventuali danni o deterioramenti causati da terze persone che lui stesso ha ammesso dentro casa, anche temporaneamente.

L’affittuario infatti è tenuto a restituire al locatore la casa nello stesso stato in cui l’ha ricevuta, ad eccezione del naturale consumo causato dall’usura del tempo.

Il conduttore non sarà inoltre responsabile del perimento o del deterioramento dell’abitazione, se ciò avviene a causa dello stato “vetusto” della stessa.

Affittuario può condurre miglioramenti e addizioni

L’art. 1592 cc dispone che il conduttore possa apportare miglioramenti alla casa anche se è in affitto, ma non avrà diritto ad alcun compenso per averli realizzati.

Art. 1592.
Miglioramenti

Salvo disposizioni particolari della legge o degli usi, il conduttore non ha diritto a indennita’ per i miglioramenti apportati alla cosa locata. Se pero’ vi e’ stato il consenso del locatore, questi e’ tenuto a pagare un’indennita’ corrispondente alla minor somma tra l’importo della spesa e il valore del risultato utile al tempo della riconsegna.
Anche nel caso in cui il conduttore non ha diritto a indennita’, il valore dei miglioramenti puo’ compensare i deterioramenti che si sono verificati senza colpa grave del conduttore.

Ciò a meno che non abbia avuto il consenso del locatore. In questo caso, egli dovrà pagare al conduttore un’indennità corrispondente alla minor somma tra l’importo della spesa sostenuta e il valore del risultato utile al momento della riconsegna.

Per tutti gli altri lavori o le modifiche che l’affittuario decide di compiere autonomamente, il locatore non sarà tenuto a rimborsargli niente. I miglioramenti apportati alla casa in affitto potrebbero, tuttavia, compensare gli eventuali deterioramenti che si siano verificati senza colpa grave del conduttore.

Se i miglioramenti apportati alla casa in affitto sono “addizioni” che possono essere rimosse dal conduttore al momento della riconsegna – senza arrecare danni all’abitazione – egli avrà la facoltà e il diritto di rimuoverle.

Qualora però il proprietario volesse mantenerle, egli dovrà corrispondere un’indennità pari alla minor somma tra l’importo della spesa sostenuta e il valore delle addizioni al momento della riconsegna.

Richiedi informazioni per Casa, Leggi e Normative, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?

Bacheca condominiale: cosa non si può pubblicare?

15/02/2024 09:00 - La gestione della privacy in ambito condominiale, guidata dal GDPR e dalle sentenze della Corte di Cassazione, richiede pratiche attente per la comunicazione di dati personali, equilibrando la condivisione di informazioni necessarie con il rispetto della privacy dei condomini.
Installare un gazebo in condominio: norme e procedureInstallare un gazebo in condominio: norme e procedure

Installare un gazebo in condominio: norme e procedure

12/02/2024 08:28 - L'installazione di un gazebo in contesto condominiale richiede una pianificazione [..]
Esclusione agevolazioni Prima Casa per immobili di lussoEsclusione agevolazioni Prima Casa per immobili di lusso

Esclusione agevolazioni Prima Casa per immobili di lusso

08/02/2024 10:01 - Esaminando le norme italiane, si evidenzia come le proprietà di lusso siano [..]
TAGS: affitto casa, casa in affitto, lavori casa affitto

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!