Edilizia sanitaria: 84 milioni per la provincia di Modena

edilizia sanitaria
Condividi!

Dalla ripartizione ufficiale dei fondi statali destinati all’edilizia sanitaria per il 2020, come previsto dalla Legge di Bilancio 2020, la provincia di Modena riceverà ben 84 milioni.

Gli ingenti contributi saranno utilizzati per ristrutturare, riammodernare e compiere interventi di messa in sicurezza, a favore di vari complessi ospedalieri della provincia modenese. I fondi sono già stati resi disponibili.

Edilizia sanitaria Modena: gli interventi in programma

Di questi 84 milioni, ben 60 saranno destinati al nuovo ospedale di Carpi. Mentre i restanti 24 milioni serviranno per la realizzazione degli interventi in tutto il resto della provincia.

In particolare, i 24 milioni, di cui 1 milione stanziato dalla Regione, saranno ripartiti tra:

  • Realizzazione nuova Casa della salute all’Istituto Charitas di Modena;
  • Ristrutturazione degli Uffici delle Attività Distrettuali a Modena, per due Hospice e per l’edificio Fondazione Cassa di Risparmio (ex-Ospedale S. Agostino);
  • Ammodernamento e messa in sicurezza della Casa della salute a Castelfranco Emilia;
  • Ristrutturazione del Corpo 2 dell’ospedale Santa Maria Bianca a Mirandola;
  • Introduzione cartelle cliniche elettroniche e rinnovo tecnologie biomediche per l’Azienda ospedaliero-universitaria di Modena.

Per quanto riguarda i 60 milioni invece, la Regione Emilia-Romagna ha contribuito stanziando 3 milioni di euro. Saranno interamente destinati alla nuova costruzione dell’ospedale a Carpi. Oltre agli interventi di progettazione e realizzazione compresi nel settore edilizio, i fondi saranno utilizzati per incrementare e rafforzare i servizi territoriali. Ma anche per favorire l’attività produttiva nel territorio e l’installazione di nuove tecnologie all’avanguardia.

Prossimi obbiettivi

Insomma, la provincia di Modena sarà certamente interessata da un grande cambiamento. Il direttore generale dell’AUSL di Modena, Antonio Brambilla, afferma che i nuovi progetti per la zona appartengono alla più vasta cifra di 142 milioni di euro. Finanziati complessivamente a favore della sanità modenese.

Ma i nuovi progetti che la Regione ha in serbo per la provincia di Modena non sono finiti qui. Infatti, oltre ai primi (e più urgenti) elencati sopra, si prevede di continuare il piano di risanamento, ristrutturazione e messa in sicurezza dei complessi sanitari in favore di altre città.

Tra i prossimi interventi previsti dalla Regione, troviamo:

  • Ristrutturazione Hospice area sud a Fiorano modenese;
  • Ristrutturazione Casa della Salute a Formigine;
  • Ammodernamento e sviluppo della Casa della Salute e dell’Ospedale di Comunità a Vignola;
  • Messa in sicurezza del Pronto soccorso a Pavullo (qui il Piano regionale ha già provveduto a realizzare un nuovo comparto operatorio);
  • Realizzazione Casa della Salute a Montese;
  • Investimenti sul personale e adeguamenti strutturali presso l’Ospedale di Mirandola;
  • Ristrutturazione e ammodernamento dell’Ospedale di Comunità e della Casa della Salute a Finale Emilia;
  • Adeguamento e messa in sicurezza dell’Hospice di San Possidonio.