Edilizia.com
Edilizia.com
Home » Fondi Pubblici » Aiuti di Stato non registrati: sanzioni ridotte entro 30 settembre

Aiuti di Stato non registrati: sanzioni ridotte entro 30 settembre

Aiuti di Stato non registrati: sanzioni ridotte entro 30 settembreAiuti di Stato non registrati: sanzioni ridotte entro 30 settembre
Ultimo Aggiornamento:

Con il Provvedimento Prot. n. 133949 del 19 aprile 2023, l’Agenzia delle Entrate definisce le modalità per rimediare alla mancata registrazione degli Aiuti di Stato e degli aiuti in regime de minimis nei registri RNA (Registro Nazionale degli Aiuti di Stato), SIAN (Sistema Informativo Agricolo Nazionale) e SIPA (Sistema Italiano della Pesca e dell’Acquacoltura).

Tale procedura riguarda in particolare i contribuenti che hanno indicato dati incoerenti o errati nel prospetto “Aiuti di Stato” delle dichiarazioni Redditi, IRAP e 770 presentate per il periodo di imposta 2019.

Vediamo di seguito in che modo si procede.

Aiuti di Stato non registrati: come si rimedia agli errori?

Per consentire ai contribuenti di regolarizzare le anomalie che hanno impedito la registrazione degli Aiuti di Stato negli appositi registri, l’Agenzia delle Entrate dispone l’invio di una Comunicazione che sarà trasmessa:

  • Mediante PEC;
  • Mediante posta ordinaria, se l’indirizzo PEC non dovesse essere attivo.

La Comunicazione che i contribuenti ricevono conterrà le seguenti informazioni:

  • Codice Fiscale e denominazione (oppure cognome e nome) del contribuente;
  • Numero identificativo e data della comunicazione, con codice atto e anno d’imposta;
  • Data e protocollo telematico delle dichiarazioni REDDITI, IRAP e 770, relative al periodo d’imposta 2019;
  • Dati degli aiuti di Stato e degli aiuti in regime de minimis indicati dai contribuenti nelle dichiarazioni REDDITI, IRAP e 770 (per il periodo d’imposta 2019) per i quali non è stato possibile procedere all’iscrizione nei registri RNA, SIAN e SIPA.

La stessa Comunicazione sarà inoltre consultabile dai soggetti interessati anche accedendo alla propria Area Riservata sul sito dell’Agenzia delle Entrate, nella sezione “Comunicazioni relative all’invito alla compliance”.

Con le stesse modalità il contribuente potrà, anche mediante intermediari, richiedere delle informazioni all’Agenzia oppure segnalare degli errori che non sono stati individuati.

Errori di compilazione o fruizione indebita: regolarizzazione, interessi e sanzioni

Per poter rimediare alle anomalie che hanno impedito la registrazione degli Aiuti nei registri, sono previsti diversi procedimenti in base alla tipologia di errori commessi.

Il primo caso riguarda gli errori formali di compilazione del prospetto “Aiuti di Stato” e, in particolare, dei campi:

  • Codice attività ATECO”;
  • Settore”;
  • Codice Regione”;
  • Codice Comune”;
  • Dimensione impresa”;
  • Tipologia costi”.

Se l’anomalia fosse dovuta all’errata compilazione dei suddetti campi, il contribuente potrà regolarizzare la propria posizione mediante la trasmissione di una dichiarazione integrativa con l’indicazione dei dati corretti.

Una volta che l’anomalia sarà regolarizzata, gli Aiuti di Stato e gli Aiuti in regime de minimis saranno correttamente iscritti nei registri nell’esercizio finanziario successivo a quello in cui viene presentata la dichiarazione integrativa.

Qualora invece l’errore non fosse legato alla compilazione, sarà necessario che il contribuente, oltre all’invio della dichiarazione integrativa, proceda anche alla restituzione delle somme che ha ricevuto senza averne diritto, con anche i relativi interessi.

In tutti i casi comunque (anche per i soli errori di compilazione), saranno applicate anche le sanzioni.

Le sanzioni possono tuttavia essere ridotte se si provvede tempestivamente alla regolarizzazione della propria posizione, come previsto dall’art. 13 del DL n. 472 del 18 dicembre 1997.

Nel caso in cui il contribuente provvedesse a regolarizzare la propria posizione entro la data del 30 settembre 2023, poi, sarà possibile usufruire delle riduzioni sanzionatorie stabilite dalla Legge di Bilancio 2023, all’art. 1, commi da 174 a 178.

Richiedi informazioni per Economia e Finanza, Fondi Pubblici, Notizie

Compila il form sottostante: la tua richiesta verrà moderata e successivamente inoltrata alle migliori Aziende del settore, GRATUITAMENTE!

Voglio iscrivermi gratuitamente per avere risposte più veloci!

*Vista l'informativa privacy, acconsento anche alle finalità ivi descritte agli artt. 2.3, 2.4, 2.5. Per limitare il consenso ad una o più finalità clicca qui.

Invia Richiesta

Articoli Correlati

Fotovoltaico senza costi? scopri come con il Reddito EnergeticoFotovoltaico senza costi? scopri come con il Reddito Energetico

Fotovoltaico senza costi? scopri come con il Reddito Energetico

07/03/2024 14:40 - Il reddito energetico 2024 offre alle famiglie a basso reddito un contributo a fondo perduto per l'installazione di pannelli solari, promuovendo l'accesso alle energie rinnovabili e sostenendo la transizione verde.
Assegno di inclusione: da oggi il via alle domande!Assegno di inclusione: da oggi il via alle domande!

Assegno di inclusione: da oggi il via alle domande!

15/12/2023 17:56 - A partire dal 18 dicembre, sarà possibile presentare la domanda per l'Assegno di [..]
Superbonus 90%: contributi al 100% per chi guadagna meno di 15mila euroSuperbonus 90%: contributi al 100% per chi guadagna meno di 15mila euro

Superbonus 90%: contributi al 100% per chi guadagna meno di 15mila euro

27/11/2023 19:26 - L'Agenzia delle entrate [..]
Bonus Trasporti 2023: oggi 1 novembre nuovo click dayBonus Trasporti 2023: oggi 1 novembre nuovo click day

Bonus Trasporti 2023: oggi 1 novembre nuovo click day

31/10/2023 14:55 - Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha stanziato un nuovo [..]
TAGS: aiuti di stato, regime de minimis, RNA, SIAN, SIPA

Autore: Redazione Online

Edilizia.com è online dal 1998, il primo del settore in Italia!