Edilizia: le novità della Finanziaria 2011

13|12 15:14 2010
La detrazione fiscale del 55% per il risparmio energetico e la riqualificazione energetica degli edifici è stata confermata anche per tutto il 2011. Dopo il via libera alla Camera dei Deputati, anche il Senato, in sede di approvazione della Legge di Stabilità, si è pronunciato favorevolmente con 16...

<p style="text-align: justify; "> La <strong>detrazione fiscale del 55%</strong> per il <strong>risparmio energetico</strong> e la <strong>riqualificazione energetica degli edifici</strong> &egrave; stata confermata anche per tutto il 2011. Dopo il via libera alla Camera dei Deputati, anche il Senato, in sede di approvazione della<strong> Legge di Stabilit&agrave;</strong>, &nbsp;si &egrave; pronunciato favorevolmente con 161 s&igrave;, 127 no e 5 astenuti, sul testo approvato alla Camera, senza apportare ulteriori modifiche per&nbsp;i tetti di spesa o per &nbsp;le percentuali di detrazione e gli interventi ammessi.<br /> <br /> Secondo il testo presentato dal relatore<em> Marco Milanese</em>, le uniche modifiche riguarderanno<strong> le spese che saranno detraibili dalla dichiarazione dei redditi in un arco temporale di dieci anni, anzich&eacute; cinque</strong>.<br /> Il fisco riuscir&agrave; ad incassare cos&igrave; circa <strong>300 milioni di imposte in pi&ugrave;</strong>, derivanti dai lavori &quot;indotti&quot; dalla detrazione: Iva, Irpef, ma anche Ires e Irap che non sarebbero state versate senza la proroga del bonus per quest&#39;anno.</p> <center> <p> <img alt="" src="https://www.edilizia.com/img/2207/0/finanziaria-edilizia2011.jpg" style="width: 600px; height: 399px; " /></p> <center> <p style="text-align: justify; "> Agevolabili saranno le spese sostenute per:</p> <ul> <li style="text-align: justify; "> interventi di riqualificazione globale su <strong>edifici esistenti</strong>, fino ad un massimo di 100.000 euro, pari al 55% di 181.818,18 euro;</li> <li style="text-align: justify; "> interventi sugli <strong>involucri degli edifici</strong> (strutture opache e infissi), fino ad un massimo di 60.000 euro, pari al 55% di 109.090,90 euro;</li> <li style="text-align: justify; "> installazione di <strong>pannelli solari </strong>per la produzione di acqua calda, fino ad un massimo di 60.000 euro, pari al 55% di 109.090,90 euro;</li> <li style="text-align: justify; "> sostituzione di <strong>impianti di climatizzazione </strong>invernale, fino ad un massimo di 30.000 euro, pari al 55% di 54.545,45 euro.</li> </ul> <p style="text-align: justify; "> <br /> A differenza dell&#39;agevolazione per le ristrutturazioni, riservata ai soli edifici residenziali, quella per la riqualificazione energetica interessa i<strong> fabbricati esistenti di tutte le categorie catastali </strong>(comprese quelle rurali e strumentali)<br /> <br /> <strong>Destinatari</strong> della detrazione sono le persone fisiche, le societ&agrave; di persone e di capitali, le associazioni tra professionisti e gli enti pubblici e privati che non svolgono attivit&agrave; commerciale.</p> <p style="text-align: justify; "> <strong>Altre novit&agrave;</strong></p> <ul> <li style="text-align: justify; "> Per il 2012 la legge finanziaria assegna all&rsquo;<strong>edilizia sanitaria pubblica</strong> una quota &nbsp;pari a 1,5 miliardi di euro (l&rsquo;85% al Sud, il restante 15% a Centro e Nord Italia.)</li> <li style="text-align: justify; "> Per quanto riguarda le richieste avanzate in seguito ai<strong> ritardati pagamenti</strong> da parte delle&nbsp;pubbliche amministrazioni dagli esponenti del settore costruzioni, la&nbsp;Finanziaria ha istituito un fondo da 60 milioni di euro per il 2011 per il pagamento degli interessi passivi maturati dai comuni &quot;virtuosi&quot; che&nbsp;potranno accedere al fondo.</li> <li style="text-align: justify; "> Passa <strong>da 4 a 5 anni l&rsquo;esenzione dal pagamento dell&rsquo;Iva</strong> per le cessioni di fabbricati non strumentali che non possono essere utilizzati a fini diversi senza subire radicali trasformazioni.</li> </ul> </center> </center>