Incontro sul Testo Unico in Garfagnana

18|06 00:01 2008
Sicurezza:priorità irrinunciabile. Al via la campagna di sensibilizzazione nel territorio di Lucca....

<p style="text-align: justify;"><strong><span>&quot;</span></strong><span>Sei operai hanno perso la vita per mancanza di precauzioni banali in Sicilia, due egiziani sono morti montando un ponteggio a Milano; entrambi erano lavoratori abusivi di un'azienda di propriet&agrave; di un connazionale che lavorava in subappalto: sono troppe le morti bianche ogni giorno&quot;. Si &egrave; aperto con queste parole della Presidente Provinciale Cna Costruzioni, <strong>Antonella Gabbriellini</strong>, seguite da <strong>un minuto di silenzio</strong>, il seminario tecnico promosso da <strong>Cna Lucca</strong> in Garfagnana rivolto agli edili e incentrato sul nuovo testo unico, il documento che disciplina tutta la normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro. &quot;Troppe sono le morti bianche. Quasi una ogni giorno. Non vorrei pi&ugrave; aprire un seminario parlando di episodi dolorosi &ndash; ha detto. Per Cna si apre una vera e propria <strong>campagna di sensibilizzazione</strong> all'indomani anche del nuovo testo che &egrave; vero inasprisce le sanzioni per gli inadempienti, ma che ancora non pu&ograve; bastare. C'&egrave; da disciplinare tutta una serie di comportamenti poco corretti, distrazioni ed eccessiva confidenza con il cantiere e i tanti pericoli che si nascondono al suo interno: &quot;Spesso incidenti e nel peggior caso decessi hanno alla base comportamenti individuali sbagliati &ndash; ha detto la presidente agli oltre 50 edili presenti &ndash; non sempre c'&egrave; la capacit&agrave; di percepire e prevenire i pericoli. Spesso c'&egrave; negligenza, poca formazione e informazione, ed &egrave; da qui che dobbiamo ripartire. Dalla cultura della sicurezza&quot;. L'attacco di Cna &egrave; chiaro: si deve intervenire sulle singole persone attraverso un percorso di formazione mirati a &quot;riconoscere i pericoli&quot;. Le imprese stanno investendo molto ma se non c'&egrave; formazione non bastano decine di mila euro su attrezzature e attrezzi in sicurezza&quot;. Cna preme anche per l'inasprimento dei controlli chiedendo l'aiuto del Prefetto di Lucca. &quot;Abbiamo chiesto &ndash; ha spiegato la Gabbriellini &ndash; l'intervento del Prefetto da parte dell'assessore provinciale al Lavoro <strong>Gabriella Pedreschi</strong> per convocare un incontro tra le associazioni datoriali e sindacati con lo scopo di allinearsi tutti quanti sulla stessa onda e pretendere controlli pi&ugrave; serrati da parte gli organismi preposti&quot;. L'altro tema centrale &egrave; stato quello della semplificazione: &quot;Ci vuole un dipendente solo per la parte burocratica e c'&egrave; ancora troppo carta in giro nei cantieri&quot; e della Cassa Edile regionale sul tema &ndash; nuovamente &ndash; della formazione&quot;.</span></p>


Uretek