Speciale Macchine e Movimento Terra

Da:Redazione Edilizia.com
A:Iscritti ad Edilizia.com
Oggetto:Speciale Macchine e Movimento Terra
Torna indietro

Per visualizzare correttamente questa newsletter, scarica le immagini associate. Puoi anche controllare la presente email all'indirizzo http://www.edilizia.com/vedinewsletter/783

In questo nuovo speciale di Edilizia.com presentiamo approfondimenti a carattere tecnico ed informativo riguardanti le Macchine Movimento Terra, ovvero tutti quei mezzi adibiti a lavori di scavo, carico, trasporto e spianamento di materiali.

Lo speciale parte con le proposte Unacea per contrastare la crisi dell'industria, migliorare la sicurezza e la compatibilità ambientale dei cantieri, per poi proseguire con la categorizzazione delle macchine movimento terra secondo la funzione svolta.

Il discorso si sposta poi sulla normativa europea delle macchine da costruzione, soffermandosi sui requisiti di conformità che esse devono possedere per l'immissione sul mercato, nel rispetto delle direttive comunitarie in tema di sicurezza e tutela ambientale.

E proprio l'ambiente e la sua salvaguardia vanno a concludere lo speciale, con il futuro "verde" delle macchine per costruzioni, come emerso dal Summit del Cece, per una riduzione sempre maggiore delle emissioni e la realizzazione di cantieri a impatto zero.

Macchine e movimento terra La categorizzazione delle macchine movimento terra
Per macchine movimento terra si intendono quei mezzi adibiti a lavori di scavo, carico, trasporto e spianamento di materiali.
Macchine e movimento terra La normativa europea per le macchine movimento terra
Le macchine movimento terra, per poter essere legalmente immesse sul mercato comunitario, devono avere i requisiti di conformità previsti dalle direttive europee applicabili particolarmente nei settori della sicurezza e della tutela ambientale.
Macchine e movimento terra Il futuro verde delle macchine movimento terra
Entro il 2020 gli stati membri dell'Unione Europea devono ridurre le emissioni di gas serra del 20%. Per questo motivo le autorità europee applicano l'introduzione progressiva di nuove fasi che impongono ai produttori di macchine l'utilizzo di motori con emissioni di particolato sempre inferiori.







Email inviata attraverso il portale www.edilizia.com al quale Vi siete iscritti autonomamente (come Azienda o utilizzando un servizio di contatti o di annunci) accettando il disclaimer presente alla pagina www.edilizia.com/disclaimer.
Non rispondere direttamente a questa email. Se vuoi contattarci, vai su http://contatta.edilizia.com
Per non ricevere piu' questa newsletter, ti basta comunicarcelo alla pagina
Cancellazione Newsletter
Edilizia.com
Per la Vostra pubblicità su Edilizia.com potete contattare lo 02.3919.8120,
lo 06.9028.1311 oppure consultare il sito http://pubblicita.edilizia.com