Home > Nigra Industria Laterizi S.r.l. > Sostenibilità ambientale e comfort abitativo

Sostenibilità ambientale e comfort abitativo - Nigra Industria Laterizi S.r.l.


È opportuno rapportare sempre l'impatto ambientale in fase di produzione e costruzione con la durata delle singole opere nonché con l'impatto ambientale di eventuali interventi di manutenzione, sostituzione o integrazione. ...

Per un edificio con speranza di vita di almeno cento anni, la durata degli impianti è circa di vent’anni,quella dei serramenti di trenta e quella degli intonaci esterni di quindici.
È opportuno, dunque, rapportare sempre l’impatto ambientale in fase di produzione e costruzione con la durata delle singole opere nonché con l’impatto ambientale di eventuali interventi di manutenzione, sostituzione, integrazione eccetera.

Secondo questo criterio, il “costo” ambientale per la produzione e costruzione di un’opera in laterizio va valutato sulla sua durata più che secolare.

Il ciclo di vita del laterizio appare estremamente positivo in tutte le fasi che accompagnano la sua vita: dall’estrazione delle materie prime alla produzione e messa in opera nonché all’uso delle abitazioni fino alla demolizione degli edifici e al recupero delle macerie.

Fase di produzione
La principale materia prima utilizzata è l’argilla, costituita da una miscela naturale di minerali a base di silice, allumina e acqua. Le fasi di produzione (approvvigionamento delle materie prime, produzione e trasporto) si suddividono più precisamente in:

  • escavazione, trasporto e stoccaggio argilla;
  • prelavorazione, formatura, essiccazione e cottura;
  • imballaggio e trasporto.

A ognuna delle fasi del ciclo produttivo può essere associata un’interazione con l’ambiente circostante, in termini di consumi di risorse naturali, di emissioni in atmosfera, di scarichi idrici, di rifiuti, di emissioni sonore.
Grazie alla diffusa pratica di recupero delle acque di lavorazione, la produzione di laterizi registra bassi consumi di acqua, mentre il consumo di energia è stato notevolmente ridotto negli ultimi anni, ed è stato accompagnato da un maggiore ricorso all’uso di gas naturale, con conseguente riduzione delle emissioni di CO2. I principali rifiuti sono costituiti dagli sfridi di laterizio, che vengono comunque reimpiegati nello stesso ciclo produttivo o in altri usi (altri prodotti ceramici, terra per campi da tennis, inerti in getti di calcestruzzo ecc.).

Fase di messa in opera
La messa in opera di murature con metodo tradizionale a umido comporta un cospicuo uso di acqua necessaria per la preparazione delle malte, degli intonaci, per la bagnatura del laterizio e per la messa in opera attraverso l’impiego di malte.
Il procedimento produce una minima quantità di sfridi e scarti principalmente derivanti dal taglio a misura degli elementi.

Fase d’uso
Gli impatti generati da un edificio in fase di uso sono circa dieci volte superiori a quelli generati in fase di produzione e costruzione, per cui gli aspetti prestazionali e gli impatti ambientali infase d’uso e la durabilità del prodotto risultano elementi prioritari da considerare.
In questa fase i temi di riflessione sono:

  • durabilità;
  • risparmio energetico;
  • igiene e salubrità.

Un approccio metodologico che non valuti attentamente e criticamente la fase d’uso di un edificio ha il limite di promuovere alcuni prodotti di dubbia sostenibilità.
A volte, quindi, le prestazioni, in termini di consumi ed impatti, non solo possono risultare peggiori rispetto ad altri prodotti, ma possono rivelare ulteriori fattori di non qualità, se si tiene conto della loro ridotta durabilità e della consistente necessità di manutenzione.

Fase di dismissione
Un’adeguata riconversione o lo smaltimento controllato dei rifiuti provenienti dalle demolizioni o dalle sostituzioni consentono di ridurre l’impatto ambientale dei prodotti da costruzione.
Le tecniche di demolizione si dividono in: tradizionale (meccanica e manuale), a reazione chimica, per principi fisici, selettiva o pianificata. Dalla dismissione di un edificio con struttura in laterizio si ricavano:

  • mattoni e blocchi da riutilizzare;
  • materiale di riempimento e di stabilizzazione per le infrastrutture;
  • aggregati per calcestruzzo e malte in situ e preconfezionati;
  • terra per campi da tennis.

Sempre più frequenti sono gli esempi di riutilizzo dei materiali laterizi grazie anche alla qualità estetica che essi assumono nel tempo. Uno dei più interessanti esempi di recupero e riuso di elementi in laterizio è quello della residenza Taviel a Saint- Omer in Francia.
Le operazioni di demolizione del vecchio edificio hanno portato a un volume complessivo di macerie di circa 3 mila metricubi, di cui più del 65 per cento derivanti da prodotti in laterizio. Grazie alla scrupolosa tecnica di demolizione adottata, sono stati recuperati, ancora integri, circa il 60 per cento dei mattoni, di cui più di 400 mila sono stati riutilizzati per la costruzione di alloggi. I restanti sono stati rivenduti.

Tutte le operazioni si sono svolte con l’obiettivo di massimizzare il quantitativo di materiale reimpiegabile e riciclabile che, alla fine, è risultato del 92 per cento. Le spese elevate di una demolizione pianificata sono state largamente bilanciate dal risparmio tratto dai minori costi di conferimento in discarica, dai ridotti costi di trasporto e dai guadagni ricavati dalla vendita dei materiali riciclabili.

CONFORT TERMICO IN CASA
Perché sopportare disagi in casa propria dovuti al clima troppo caldo o troppo freddo? Perché avere angoli del proprio alloggio con muffe o vetri che grondano?
Queste situazioni sono causate dai muri che non traspirano! Diffidate dai materiali non traspiranti! Ecco alcune soluzioni ottimali:

SOLUZIONI A DOPPIO STRATO CON ISOLANTE IN INTERCAPEDINE:

  • Sopra, la parete è composta da Tramezze Aveolater Bio a fori verticali da 8 e 12 cm con interposto un pannello isolante in lana di vetro da 10 cm. La parete completa, con due strati di intonaco tradizionale da 1,5 cm, garantisce una trasmittanza termica di 0,27 W/m2K. Sotto, la soluzione è composta da laterizi forati da 8 e 12 cm con interposto un pannello isolante in lana di vetro da 10 cm. La parete completa con due strati di intonaco tradizionale da 1,5 cm, garantisce una trasmittanza termica di 0,28 W/m2K. Questa soluzione però, essendo più "leggera", presenta bassi valori di sfasamento e alti valori di attenuazione e dunque non raggiunge l'inerzia termica della soluzione precedente.
  • Sopra, la parete è composta da blocchi Alveolater Bio da 25 e 8 cm con interposto un pannello isolante in lana di roccia da 8 cm. La parete completa con due strati di intonaco tradizionale da 1,5 cm, garantisce una trasmittanza termica di 0,25 W/m2K. Sotto, la parete è composta da blocchi Alveoalter Bio da 30 cm e laterizi forati da 8 cm con interposto un pannello isolante in polistirene da 5 cm. La parete completa con due strati di intonaco tradizionale da 1,5 cm, garantisce una trasmittanza termica di 0,26 W/m2K.



Condividi


Dati Aziendali

Traversa Mazzini 2
10037 Torrazza Piemonte (Torino)


Sito Web

4517 visualizzazioni.

117 visite al sito.

INFORMAZIONI - PREVENTIVO


Mappa


Prodotti


Tramezza Alveolater P10 45
Tramezza Alveolater P10 45
Blocchi alveolati a fori verticali: laterizi ecologici ad alta tecnologia ...
Blocco Alveolater P38 55
Blocco Alveolater P38 55
Blocchi alveolati a fori verticali: laterizi ecologici ad alta tecnologia ...
Blocco Alveolater P38 45
Blocco Alveolater P38 45
Blocchi alveolati a fori verticali: laterizi ecologici ad alta tecnologia ...
Blocco Alveolater P25 45
Blocco Alveolater P25 45
Blocchi alveolati a fori verticali: laterizi ecologici ad alta tecnologia ...
Perlater Bio A BLR 67-45
Perlater Bio A BLR 67-45
Blocchi ad alto potere coibente, traspiranti, concepiti per il benessere ...