Edilizia.com


138927 Operatori, 233 utenti online.

Preventivi gratuiti Edilizia.com

Crisi edilizia, l'ANCE ne parla a Bologna

L'Ance ha organizzato, nella sede UnionCamere di Bologna, un incontro con imprenditori e lavoratori per parlare di crisi ed edilizia. Ecco come è andata.

ance union camere bologna

A Bologna, nella sede Union Camere, l'Ance ha incontrato imprenditori e lavoratori per fare il punto sulla situazione edilizia. Niente politici o rappresentanti delle istituzioni, ma solo i coinvolti in prima persona. Si è parlato di numeri: dall'inizio della crisi sono stati calcolati ben 500 mila posti di lavoro in meno, di cui 32 mila solo nell'Emilia Romagna.

Giovanni Torri, presidente Ance proprio dell'Emilia Romagna, descrive in modo dettagliato i soggetti su cui la crisi è pesata di più: sono soprattutto padri di famiglia, rimasti senza un reddito fisso e per questo impossibilitati a mantenere una famiglia. Per loro non c'è una via di uscita sicura e pagano le conseguenza molto più di altre tipologie di lavoratori. Si è parlato anche di aziende chiuse e aperte: solo in Emilia ci sono circa 2.400 aziende edili in meno rispetto al 2012, un numero spaventoso. In totale il settore ha perso circa 5 miliardi, riducendosi a un terzo del suo valore. Torri suggerisce la soluzione migliore: il blocco del Patto di stabilità.

Il Patto, però, non è l'unica strada possibile. Spesso è la stessa burocrazia a far impazzire aziende e imprenditori. Piccoli lavori sono spesos sommersi di pratiche burocratiche e per poter iniziare, un'impresa ha bisogno di attendere mesi. Il semplice rifacimento di un bagno diventa complicato come un'intera ristrutturazione edilizia e questo va assolutamente cambiato per far sì che qualcosa si muova davvero.

E le promesse fatte dal governo Renzi? L'Ance lo dice chiaramente: le promesse si ripetono da anni, ormai non servono più. Tutti i fondi promessi dai politici sono ancora lì, senza nemmeno che siano presenti bandi o domande per richiederne l'utilizzo. Cosa ci faccio con le risorse, se poi non ho modo di spenderle?

Basta con le chiacchiere, quindi. È tempo di agire e l'Ance continua a ripeterlo da troppi anni.


Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper