Edilizia.com


138927 Operatori, 172 utenti online.

Iscrivi Gratuitamente su Edilizia.com

Un'unione dei comuni per risollevare l'edilizia

Far ripartire l'edilizia senza attendere le sorti del governo? È possibile e i sette comuni della Federazione Montebellunese ne sono un esempio.
 

 

Sette comuni si sono uniti per dare una scossa all'edilizia. Impossibile continuare ad attendere provvedimenti governativi, impossibile stare a guardare la disperazione di decine di imprese edili al collasso.

 
La Federazione Montebellunese, che accoglie i comuni di Montebelluna, Caerano, Trevignano, Volpago, Crocetta, Giavera e Nervesa, ha deciso di operare per sveltire la burocrazia e concedere un'esperienza del settore edile più semplice del normale. CNA e Confartigianato avevano dato l'allarme, raccolto poi dai sindaci dei sette comuni.
 
Quali sono i punti su cui lavoreranno i comuni? In sintesi: 
 
1. Dare più considerazione alle piccole imprese per gli appalti pubblici
2. Accelerazione delle pratiche edilizie 
3. Accelerazione delle tempistiche di approvazione 
4. Analisi delle possibili opere pubbliche su cui intervenire 
5. Sveltimento all'interno degli uffici tecnici comunali
 
Sarà importante intervenire sia sulle nuove opere pubbliche, sia sul ripristino del territorio. La base di partenza sarà proprio l'unione: lavorando insieme, i sette comuni potranno sensibilmente migliorare la condizione delle imprese edili della zona, dando stimolo a nuovi lavori e nuove speranze. 
 
Il sindaco di Montebelluna ha dichiarato: "Questo dialogo tra enti locali e associazioni sarà utile per l'emergenza e per programmare in modo più efficace le azioni utili alla ripresa economica. I sindaci, tutti insieme, potranno dare una risposta concreta alle aziende in crisi". Un modello da adottare in tutta Italia, sei d'accordo?
Redazione Edilizia.com
5 Marzo 2013

Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper