Edilizia.com


138927 Operatori, 95 utenti online.

Iscrivi Gratuitamente su Edilizia.com

Ufficialmente in vigore la legge per i debiti delle PA

È entrato ufficialmente in vigore il decreto legge che autorizza le Pubbliche Amministrazioni a pagare i debiti contratti con le aziende italiane.

 

 

Ufficialmente in vigore il pagamento dei debiti delle PA
Il DL 35/2013, diventato la legge 64/2013, è ufficialmente in vigore dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale di venerdì scorso. Con questa nuova legge si sono modificate le modalità di pagamento delle Pubbliche Amministrazioni, in debito con le imprese italiane per appalti e servizi mai saldati.

Quali sono le novità entrate in vigore? Vediamole insieme:

  • Diventano crediti certificati anche quelli dei professionisti, non più solo quelli per appalti e forniture
  • L'esecutore può sospendere i lavori, per mancato pagamento, fino al 31 dicembre 2015 e solo nel caso in cui il titolo di spesa raggiunga il 15% dell'importo netto presente sul contratto
  • Si attiva il Durc retrodatato: potrà essere ottenuto con il riconoscimento dei crediti da riscuotere dalle PA e senza aspettare che il debito venga saldato. In questo modo le aziende non vengono tenute fuori dagli appalti a causa delle insolvenze pubbliche
  • Per gli enti locali che nel 2012 hanno sforato il patto di stabilità, le sanzioni non saranno conteggiate sulla somma concessa per saldare i debiti
  • Viene esclusa dal patto di stabilità interno degli enti locali la somma di 5 miliardi di euro: se l'ente si vede concessa la deroga sul patto ma non paga per un 90% almeno, la Corte dei Conti interverrà con una sanzione che sarà pari a due mensilità di retribuzione
  • L'importo al momento concesso è di 40 miliardi di euro e l'intera operazione di saldo verrà effettuata senza sforare dal patto di stabilità previsto con l'UE


Questi, in sostanza, gli interventi maggiori. Finalmente qualcosa di concreto prende posto nel settore edilizio, che da tempo attende soluzioni risolutive. Paolo Buzzetti, Presidente Ance, si dice ora pronto a chiedere la modifica del patto di stabilità, uno dei maggiori ostacoli per gli investimenti edilizi.

Redazione Edilizia.com
11 Giugno 2013

Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper