Edilizia.com


139175 Operatori, 164 utenti online.

Preventivi gratuiti Edilizia.com

Settimo anno di crisi edilizia: facciamo il punto

Siamo arrivati al settimo anno consecutivo di crisi edilizia. Chi pensava sarebbe durata di meno ha dovuto ricredersi. Ecco i numeri della crisi.

 

Crisi edilizia

Sette anni di crisi. Dalla fine del 2007 fino al 2014. Sette anni di mancata ripresa, di perdite e di povertà. Moltissime aziende chiuse, tante famiglie sul lastrico e governi continui senza soluzioni.

La Confartigianato ha messo a tavolino un'analisi dettagliata degli ultimi due anni, 2012-2013. Numeri sempre negativi, senza segni di ripresa.

 

Vediamoli:

  • Occupazione: è diminuita, nel settore edilizio, del 7,1 quindi significa che nell'ultimo anno si sono persi circa 123 mila occupati. Dal 2008 la perdita è del 20%, con circa 400 mila occupati in meno.
  • Valore aggiunto del settore: in calo nel 2012 del 5,8% rispetto al 2011. Dal 2007 il calo è stato del 22,2%, perdendo molto più di altri settori del Paese. Un disastro.
  • Finanziamenti alle imprese edili: l'ultimo anno abbiamo avuto una flessione del 2,8%, con tassi di interesse intorno al 7,5%, un punto in più rispetto a quello offerto alle altre imprese.
  • Tasso di interesse sui mutui: ben 54 punti in più rispetto alla media europea, cioè 3,31% rispetto a 2,77%. Per questo motivo le compravendite sono calate del 6,6% solo nell'ultimo anno, con un totale di 64,4% di case invendute.

L'unica nota positiva deriva dai cantieri nelle zone post sisma, che hanno aumentato del 37% il numero dei proprietari di case intenti a ristrutturare immobili. Al momento, per queso nuovo inizio dell'anno, non sono ancora arrivati numeri positivi e si attende il primo trimestre per confrontare tutti i dati.

 


Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper