Edilizia.com


138927 Operatori, 104 utenti online.

Preventivi gratuiti Edilizia.com

Proteste in piazza: tutti gli appuntamenti di oggi

Inizia oggi la lunga marcia verso la ripresa economica ed edilizia del Paese: le piazze di tutta Italia si riempiranno, fino ad arrivare alla giornata conclusiva del 22 giugno.

 

 

Proteste in piazza: tutti gli appuntamenti di oggi


La tanto attesa protesta in piazza inizia oggi. Volantinaggio, presidi vari, occupazioni e scioperi: i sindacati, le associazioni di categoria e i lavoratori sono pronti per mobilitare tutta Italia.

Lo slogan è "Ripartiamo!", una parola che da sola basta a spiegare il senso di tutte le mobilitazioni. Quali sono gli appuntamenti previsti?

In questa pagina sono suddivise le proteste per ogni regione: da nord a sud sono pronti per marciare e chiedere al governo un'intesa per misure urgenti ed essenziali. I segretari generali di Feneal, Fillea e Filca hanno presentato la protesta alla stampa, definendola necessaria vista l'urgenza richiesta per il settore edilizio: "L'edilizia più di ogni altro settore può fare da traino per la ripresa, ma bisogna fare in fretta perché si corre il rischio che scompaia un intero comparto industriale, che dall'inizio della crisi ha già perso oltre 550mila addetti”.

Il contratto dell'edilizia, ormai scaduto il 31 dicembre scorso, necessita di un rinnovo, ma con modifiche indispensabili. Franco Turri, Segretario nazionale Filca, parla chiaro: "Insieme a Feneal e Fillea abbiamo redatto una piattaforma comune e ci siamo presentati compatti ai confronti con le controparti. I punti di divergenza sono ancora tanti e molte posizioni delle parti datoriali appaiono irricevibili, a cominciare dalla messa in discussione dei meccanismi consolidati di erogazione dell'anzianità professionale edile.

È necessario però dare un'accelerata alla trattativa per assicurare ai lavoratori dell'edilizia un contratto caratterizzato dai temi della qualità del lavoro, della sua valorizzazione e della sua retribuzione”.

Gli interventi necessari (richiesti dalle associazioni di categoria) sono l'abbassamento del costo del lavoro, l'innalzamento dei fondi disponibili per gli investimenti edilizi, il recupero del territorio, il rafforzamento delle regole, la lotta alla criminalità e all'irregolarità (problemi molto sentiti nei comparti pubblici) e l'avvio dei cantieri bloccati, con una modifica al patto di stabilità.

Tutti chiediamo questi interventi a gran voce: unisciti anche tu.

Redazione Edilizia.com
31 Maggio 2013

Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper