Edilizia.com


138927 Operatori, 229 utenti online.

Iscrivi Gratuitamente su Edilizia.com

Più di tremila aziende chiuse negli ultimi anni: è la crisi edilizia

Dal 2008 a oggi sono più di tremila le aziende edili che hanno chiuso, perdendo la battaglia contro la crisi.

 

Crisi edilizia


Il Sole 24 ore pubblica una piccola inchiesta sulle imprese edili italiane. I dati, ovviamente, sono tutti negativi. Dal 2008 a oggi sono circa 3 mila le aziende del settore edile che hanno scelto, per forza o per volontà propria, di chiudere. La crisi sempre più pesante, la mancanza di liquidità, i rapporti inesistenti con le banche e l’assenza di tutela da parte dello Stato hanno reso possibile un numero così elevato.

L’edilizia e i suoi ricavi non sono mai andati così male, ormai è certo. Le domande di fallimento, nell’ultimo anno, sono incredibilmente aumentate per le imprese edili, che più di tutte soffrono questo periodo. Tutti i settori industriali e artigianali sono in crisi, ma l’edilizia (è bene ripeterlo) è quella che sta morendo più velocemente.

Come riporta Il Sole 24 Ore: “Nelle costruzioni i fallimenti sono stati poco meno di 3 mila, un quarto del totale, e il dato è in crescita costante. Il nesso con l'andamento del mercato interno è chiaro e volendo trovare un singolo numero “colpevole" si può identificare nel crollo del 42,8% dei mutui nel 2012”.

Una crisi a catena, che parte al settore del mattone per espandersi fino a quello degli arredamenti: quando non si investe nella casa si lascia scoperto anche il miglioramento dei suoi interni. Il 2013 prevede dati ancora negativi, con un nuovo record storico.

Redazione Edilizia.com
11 Aprile 2013

Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper