Edilizia.com


138927 Operatori, 144 utenti online.

Preventivi gratuiti Edilizia.com

Investire sulle costruzioni per aiutare l'economia

l messaggio lanciato dall ANCE, l associazione nazionale di costruttori edili, è chiaro: per far riprendere l economia occorre investire ancora e di nuovo sull edilizia.

 

Il Presidente ANCE Paolo Buzzetti si è incontrato con Silvio Berlusconi per tracciare il possibile futuro dell’edilizia italiana. Il concetto non lascia spazio a dubbi: per far ripartire l’economia è necessario le costruzioni e l’export vengano rilanciate.

Come? Attraverso gli investimenti. Non può esserci nessuna crescita senza il settore edile.

L’edilizia rappresenta oggi l’11% della ricchezza del Paese. Con la crisi edile si è perso almeno il 3% di Pil, anche a causa dei moltissimi posti di lavoro persi negli ultimi anni.

“Ogni miliardo investito in edilizia genera un giro di affari di 3,374 miliardi e crea oltre 17mila posti di lavoro”, afferma Buzzetti. Cosa serve, in concreto, per ripartire? L’ANCE parla di investimenti.

Lo Stato può e deve rilanciare il settore edilizio, investendo soprattutto sul costo del lavoro: in questo settore il costo lavorativo è molto alto e spesso non permette a imprese e imprenditori di portare avanti un progetto.

Proprio per chiedere un intervento a livello governativo si è reso necessario l’incontro con Berlusconi, sperando che chiunque regga le sorti del Paese riesca a dare qualcosa di concreto al settore edilizio.

Redazione Edilizia.com
7 Febbraio 2013

Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper