Edilizia.com


138927 Operatori, 107 utenti online.

Iscrivi Gratuitamente su Edilizia.com

Obbligo del POS per professionisti: a che punto siamo?

Ci eravamo lasciati, qualche mese fa, con la notizia dell'obbligo di possedere il POS per tutti i professionisti, compresi quelli operanti nel ramo edilizio. Ora a che punto siamo?

POS edilizia
La notizia è sempre la stessa: dal 1 gennaio 2014 tutti i professionsiti dovranno avere, all'interno del loro studio, il POS. Così facendo i clienti potranno pagare utilizzando carta di credito e bancomat, lasciando un chiaro segno della transazione avvenuta. L'iniziativa fa parte del pacchetto trasparenza adottato dal Governo e già attivo a partire dal 2012, quando il limite di pagamenti in contanti è stato via via diminuito. La ragione? Fermare e circoscrivere il nero e l'evsione fiscale, dice il Governo. Ma ne siamo proprio sicuri?

Quello che sappaimo è che questa rivoluzione porterà soldi alle banche (circa 2 miliardi) e nuove spese ai professionisti italiani. Si calcola una spesa mensile tra i 150 e i 300 euro, evento che potrà far scattare in avanti il costo delle tariffe dei singoli professionisti iscritti all'albo. Una ruota che gira, dunque: pagano di più loro, paghiamo di più anche noi. E le banche? No, quelle ci guadagnano. L'utile che avranno indietro è stato calcolato in circa 2 miliardi di euro all'anno, almeno questa è la cifra rilevata dalla Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro. In un comunicato, la Fondazione dichiara:

"Le imprese in Italia si attestano sui 5 milioni di soggetti circa che in un anno spendono mediamente 7 mila euro per servizi professionali con un volume di transazioni pari a circa 35 miliardi di euro. Applicando il 3% medio di commissione bancaria sui pagamenti si arriva a oltre 1 milione di euro in più di incassi per le banche. I professionisti ordinistici sono 2.300.000 che dovrebbero dunque installare un Pos con due costi ulteriori: 150 euro circa per il rilascio del bancomat (pari a circa 350 milioni) e altrettanti per canone. Insomma, un regalo da oltre 2 miliardi di euro per il sistema bancario

Viene spontaneo chiedersi come questa iniziativa possa aiutare un settore già in forte crisi: i professionisti, in edilizia, sono un punto fondamentale e tra circa un mese rischiamo di regalare alle imprese un carico di spese in più da sopportare. Perché?

Redazione Edilizia.com
26 Novembre 2013

Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper