Edilizia.com


139175 Operatori, 142 utenti online.

Preventivi gratuiti Edilizia.com

M5S: l'edilizia scolastica si finanzia tagliando le province

Per il Movimento 5 Stelle esiste una concreta possibilità di trovare le risorse per finanziare l'edilizia scolastica. Come? Tagliando le province.

 

 

M5S: l'edilizia scolastica si finanzia tagliando le province
L'edilizia scolastica può essere facilmente finanziata. Il Movimento 5 Stelle pensa a misure concrete per il settore edilizio e lo fa chiedendo l'abolizione delle province, con un risparmio che potrà essere usato per investire sulle scuole italiane e la loro riqualificazione. Perché proprio questo settore dell'edilizia?

Le scuole sono un'emergenza, lo dice anche Legambiente, secondo cui almeno il 50% delle strutture scolastiche italiane non ha certificato di agibilità. Oltre il 65% non ha quello per la prevenzione di incendi e il 36% necessita di manutenzione urgente. Il 32,42%, inoltre, si trova a rischio sismico e il 10,6% in zone ad alto rischio idrogeologico.

In tutta Italia moltissimi comuni chiedono di intervenire, ma non ci sono i soldi. Servirebbero 13 miliardi di euro per risanare l'intero settore dell'edilizia scolastica, dove trovarli?

È qui che interviene il Movimento 5 Stelle, che dell'edilizia ha fatto uno dei suoi punti più importanti. Per il Movimento è possibile risanare gli edifici scolastici in 4 anni, prendendo i fondi direttamente dall'abolizione delle province: secondo una stima, potrebbero introdurre nelle casse dello Stato almeno 2 miliardi di euro, una cifra che non copre tutti gli interventi necessari ma che può sicuramente dare loro il via per la realizzazione.

Resterebbero fuori, infatti, 11 miliardi di euro, necessari per completare l'intera riqualificazione scolastica.

L'idea di abolire le province, per fare spazio agli investimenti in edilizia scolastica, ti convince?

 

Redazione Edilizia.com
21 Maggio 2013

Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper