Edilizia.com


138927 Operatori, 190 utenti online.

Iscrivi Gratuitamente su Edilizia.com

L'avanzo dei fondi nel settore edile conferma la forte crisi

Sono circa 900 mila euro i fondi avanzati dagli interventi richiesti nel territorio trentino. Il motivo? La crisi limita le capacità lavorative delle imprese e dei privati cittadini.

Tutti gli interventi richiesti nel 2012 sono stati finanziati, ma restano ancora dei fondi disponibili. Il finanziamento, legato al miglioramento energetico degli immobili, è disponibile per le domande del territorio trentino, domande che si sono rivelate inferiori alle aspettative. L’assessore all’urbanistica ed edilizia abitativa, Andrea Brugnara, afferma che questo episodio è riferibile alla forte crisi. Nonostante esistano dei contributi, molti rinunciano comunque a fare le domande.

I fondi totali ammontavano a 1.983.000 euro: di questi, ne avanzano 925 mila, che sono tornati nelle casse della provincia. Le richieste sono state solo 22 fino ad aprile 2012, si sono poi aggiunte altre 20 richieste nel giugno dello scorso anno. Meno di cinquanta domande totali, quando ne erano previste più del doppio. Perché questa forte flessione?

Il motivo sembra essere chiaro: la crisi, che sta colpendo privati e imprenditori da almeno quattro anni, ha limitato le intenzioni di modifiche strutturali sugli immobili. Le persone, in parole povere, hanno paura di investire, anche se buona parte dei fondi provengono dallo Stato.

Oltre la paura, però, c’è anche il fattore quantitativo: molti, semplicemente, non hanno i mezzi economici per poter intervenire, nemmeno a fronte di finanziamenti pubblici.

Questo episodio mostra più di altri quanto ci sia bisogno di un intervento forte e chiaro da parte delle istituzioni. In settimana è prevista la formazione del nuovo governo. A chi ci guiderà in questo nuovo anno viene chiesta una sola cosa: non abbandonate l’edilizia.

Redazione Edilizia.com
11 Marzo 2013

Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper