Edilizia.com


124629 Operatori, 67 utenti online.

Incentivi con il nuovo piano casa: ecco i dettagli

Acquisto della prima casa o affitto da pagare? Con il nuovo piano casa è possibile chiedere gli incentivi. Ecco come.

 

 

 

Incentivi con il nuovo piano casa: ecco i dettagliSe sei alle prese con la richiesta di un mutuo o stai per andare in affitto, ecco alcune novità del Piano Casa che potrebbero interessarti. Il Consiglio dei Ministri ha approvato nuove linee guida per chi sta acquistando la prima casa o sta per andare in affitto.

Il nuovo fondo è stato creato presso il MIT e in totale si parla di 200 milioni di euro.

I fondi per i mutui sulle prime case ammontano a 40 milioni di euro: 20 milioni per il 2014 e 20 milioni per il 2015. Questo intervento mira ad aiutare chi acquista la prima casa con il pagamento di un mutuo: è prevista una sospensione fino a 18 mesi per le rate da pagare e il tasso di interesse sarà a carico del fondo creato. Per accedere bisogna avere un mutuo sulla prima casa, essere in difficoltà temporanee, essere titolari di un mutuo che non superi i 250 mila euro. Inoltre bisogna aver perso il lavoro recentemente o devono essere presenti condizioni di non autosufficienza per l'intestatario o uno dei cointestatari. Per fare domanda basterà inoltrare alla banca una richiesta tramite i moduli presenti nel sito del Ministero del Tesoro.

Il secondo intervento aiuta le giovani coppie, i nuclei famigliari con figli minori e i giovani di età inferiore ai 35 anni con reddito non superiore ai 40 mila euro all'anno, ad accedere al mutuo per l'acquisto della prima casa. Qui sono 60 i milioni di euro disponibili e gli immobili non devono essere abitazioni di lusso o ville. Anche in questo caso è necessario connettersi al sito del Ministero del Tesoro per avere accesso ai moduli.

Per gli affittuari sono 60 i milioni di euro disponibili: bisognerà avere difficoltà nel pagare l'affitto e saranno i comuni a stabilire i bandi per la spartizione dei fondi. I requisiti per la domanda sono: avere un reddito annuo non superiore a due pensioni minime INPS e il cui canone non risulti inferiore al 14%. Altri 40 milioni andranno a garanzia del rischio di morosità di locatari in difficoltà.

Appena saranno pubblicati i bandi ufficiali, ve ne daremo notizia.

Redazione Edilizia.com
6 Settembre 2013

Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR