Edilizia.com


138927 Operatori, 179 utenti online.

Iscrivi Gratuitamente su Edilizia.com

IUC, la nuova tassa sui servizi: ecco di cosa si tratta

Ancora un nome, ancora una tassa sui cittadini. È la IUC, la tassa sui servizi che potrebbe costare anche più dell'IMU.

 

 

 

IUC. Un nome di fantasia? Purtroppo no. È il nome della nuova tassa sui servizi, l'Imposta Unica Comunale, con una quota che potrebbe superare l'IMU senza comunque dare agli enti i fondi di cui hanno bisogno. Il rischio? Vedersi aumentare anche questa tassa dai comuni, che non hanno più introiti per garantire servizi.

La IUC sarà composta da tre diverse tasse: IMU, Tari e Tasi. La Tari è la tassa sui rifiuti, mentre la Tasi è quella dedicata ai servizi comunali. Anche le abitazioni esenti da IMU dovranno pagare la IUC, che comprende Tasi e Tari. Vediamo le differenze in base al tipo di proprietà:

  • Abitazione principale - Tasi all'1 per mille, con la scelta ai comuni se alzarla o abbassarla
  • Abitazione in affitto - Anche gli inquilini devono pagare, mettendo tra il 10% e il 30% della quota, in base al valore scelto
  • Chi paga meno? Chi abita da solo o chi soggiorna nell'immobile per pochi mesi all'anno
  • Quando si paga? Quattro volte l'anno: ogni 16 di gennaio, aprile, luglio e ottobre

L'Anci afferma che questa nuova tassa non basterà ai comuni, che dovranno coprire l'assenza dell'IMU. Ecco perché ogni comune potrebbe aumentarla fino a un massino di 2,5 per mille. Il risultato sarebbe una tassa ancora più onerosa dell'IMU, tolta proprio per ridare fiato alle famiglie italiane. Tutto inutile, qundi. Si torna a pagare e a farlo sono sempre i cittadini.


Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper