Edilizia.com


138927 Operatori, 174 utenti online.

Preventivi gratuiti Edilizia.com

I numeri della crisi edilizia e le prospettive future

Se ne parla spesso, ma quali sono effettivamente i numeri della crisi edilizia di questi ultimi anni? Ecco tutti i dati forniti da ANCE.

crisi edilizia
La crisi edilizia, presente ormai da almeno 5 anni, non accenna a diminuire. Ne parliamo spesso, tirando fuori numeri e statistiche più o meno ufficiali. È arrivato il momento di fare un quadro complessivo della situazione, unendo i dati di questi ultimi anni e confrontandoli insieme, così da avere anche una chiara visione del futuro. Cosa ci dicono le stime fatte da ANCE?

La prima cosa negativa degna di nota è la prospettiva futura: nel 2014 si prevede ancora un forte calo di investimenti e, di conseguenza, di lavoro e occupazione. Il dato ci parla di un ulteriore calo del 4,3%, dopo il 5,6% perso nel corso del 2013. Questo a fronte di politiche economiche praticamente assenti. L'unico dato positivo si avrebbe applicando quelle misure che ANCE e associazioni di categoria propongono da mesi, senza successo. In questo caso, adottando soluzioni e strategie idonee, si avrebbe finalmente una crescita positiva pari all'1,6%.

Dal 2008 a oggi sono andati persi più di 600 mila posti di lavoro, di cui ben 446 mila solo nel settore edilizio. Una cifra enorme. Le imprese fallite sono più del 23% e sono oltre 50 i miliardi di investimento persi negli ultim cinque anni. In sei anni ben il 26% degli investimenti è andato perduto a causa di motivazioni note come la mancanza di fiducia, la mancanza di crescita e l'indisponibilità economica.

Quanto ancora andremo avanti? E cosa sta davvero facendo il governo per risolvere questa situazione? I dati ANCE ci dicono che nulla sta cambiando. Qualche piccolo dato incoraggiante era arrivato a fine estate, ma è stato subito messo a tacere dopo la confusione venutasi a creare con l'IMU e le prime case. Mettiamoci anche la sempre più difficile reperibilità di un mutuo ed ecco che la situazione non sembra affatto rosea come vorrebbero farci credere.

Tu cosa pensi che succederà il prossimo anno? Credi in una ripresa?

Redazione Edilizia.com
25 Novembre 2013

Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper