Edilizia.com


138927 Operatori, 282 utenti online.

Iscrivi Gratuitamente su Edilizia.com

Edilizia protestata: i dati del 2012

Tra le aziende protestate nel 2012, l edilizia conferma nuovamente il suo record. Tra un + 45% di imprese protestate, la percentuale maggiore è nel settore edile.

cerved group

 

 

Nuovo record tutto italiano nel 2012: il numero di imprese protestate è cresciuto del 45% rispetto al 2007-2008. L’edilizia si attesta come primo settore colpito, con 11 mila aziende protestate su 47 mila. I dati provengono dalle analisi del Cerved, gruppo di analisi d’impresa, e sono stati diffusi dall’Ansa nelle scorse ore.

Questo, come dicono al Cerved, è il “top” della crisi. Questo record è il più negativo mai registrato prima. I settori produttivi analizzati sono diversi: il settore servizi ha registrato protesti per + 9,5%, le costruzioni sono a + 1,9% e il settore manufatturiero è a + 7,5%.

Nel 2012 la percentuale di imprese non individuali protestate del settore costruzioni è di 3,4%, con dati particolarmente negativi nel centro-sud, dove si arriva a un 12% di protestati in un solo anno. Il nord-ovest si attesta al 2,6% e il nord-est a 1,3%.

Un altro record si registra nel ritardo dei pagamenti delle imprese verso i fornitori: siamo a oltre 60 giorni, con picchi che arrivano oltre i 90 e che causano spesso anche il fallimento delle stesse aziende. Nel secondo trimestre del 2012 il ritardo nei pagamenti ha raggiunto l‘8,2%, facendo cadere di colpo le speranze di fornitori e delle stesse aziende, che hanno difficoltà di accesso al credito.

Questi dati, ricordiamo, sono relativi agli anni 2007-2012 e non tengono ancora conto dell’anno in corso, ancora più critico secondo le ultime statistiche.

Redazione Edilizia.com
14 Marzo 2013

Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper