Edilizia.com


138927 Operatori, 285 utenti online.

Iscrivi Gratuitamente su Edilizia.com

Edilizia abitativa: il settore si è dimezzato in sei anni

Gli investimenti per le nuove abitazioni, nel 2012, sono calati del 17% rispetto all'anno precedente. Sono numeri da record.

 

Crisi edilizia

Mentre il 2012 segna un -17% rispetto all’anno prima, per il 2013 si prevede un altro calo del 13%: un tunnel negativo che sembra non avere fine, quello relativo agli investimenti abitativi. Dal 2008 a oggi il dato degli investimenti ha subito un calo complessivo del 54,2%, mostrando una diminuzione del settore senza precedenti. I dati sono riportati dall’Ance, che ha effettuato analisi mirate in tutta Italia.

I prezzi? Come abbiamo scritto recentemente, dal 2008 a oggi i prezzi medi delle abitazioni sono calati del 12,3%. Questa diminuzione, però, non ha comunque aiutato gli investimenti abitativi e l’Ance spiega perché: “La crisi che ha colpito il settore delle costruzioni ha avuto effetti particolarmente gravi in alcuni comparti che, tradizionalmente, hanno promosso lo sviluppo dell'intera economia nazionale.

Tra questi il comparto abitativo ha subito un vero e proprio tracollo: l'effetto combinato della prolungata crisi economica, della fortissima restrizione del credito e dell'inasprimento fiscale sulla casa, dovuto all'Imu”.

Gli interventi di recupero, invece, sembrano mantenersi costanti, con un aumento del 12,6% dal 2008 a oggi. La causa di questo aumento si può trovare negli incentivi fiscali nel recupero abitativo. Cala anche la compravendita immobiliare, con un 30,5% in meno del 2012 rispetto all’anno precedente.

I dati del settore edilizio, come si può vedere, sono negativi in tutte le parti del settore: l’unica fonte di guadagno minimo per le imprese è stata la ristrutturazione abitativa. Il 2013 non promette dati positivi, ci sarà da aspettare ancora qualche anno. 

Redazione Edilizia.com
10 Aprile 2013

Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper