Edilizia.com


138927 Operatori, 60 utenti online.

Preventivi gratuiti Edilizia.com

Crisi ed Edilizia, 200 aziende in corsa per la Grande Brera

I bandi di ristrutturazione della Grande Brera di Milano attirano l Italia che costruisce. O meglio, fanno gola.

 

 

Effetto della crisi che frena il mondo dell’edilizia, e che all’improvviso viene scosso da un bando epocale.

Per la ristrutturazione del palazzo storico (riqualificazione dei tetti dell’Accademia e della Pinacoteca) si parte da 4,5 milioni di euro; per la realizzazione del museo di Palazzo Citterio, poco distante dal complesso, la cifra è ancora più interessante: 17 milioni di euro.

Queste sono le cifre. E duecento aziende si sono sfidate al ribasso per aggiudicarsi la commessa. Una commessa che è stata possibile grazie al Ministro per i Beni Culturali Lorenzo Ornaghi che, nel 2012, è riuscito a ritagliare 23 milioni di euro per il recupero (finora sempre rimandato) della Grande Brera.

La delicata gestione delle gare d’appalto è stata affidata alla direttrice regionale ai Beni culturali Caterina Bon Valsassina. La prima fase dei lavori verrà inaugurata entro l’estate 2013, e riguarderà la ristrutturazione dei tetti di Brera, mentre per la costruzione del museo a Palazzo Citterio si prevedono tempi più lunghi.

In ogni caso sono segnali positivi, anche se la reazione delle aziende di fronte ai succulenti bandi della Grande Brera lascia intravedere la profonda crisi del settore edile. Che, in piccola parte, sarà mitigata dalla Grande Brera.

Redazione Edilizia.com
7 Marzo 2013

Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper