Edilizia.com


139175 Operatori, 63 utenti online.

Preventivi gratuiti Edilizia.com

Approvate agevolazioni fiscali per grandi opere

Il Cipe ha approvato le agevolazioni fiscali per i privati che finanziano le grandi opere pubbliche. Il via libera è arrivato proprio in questi giorni.

 

La legge di stabilità 183/2011 dichiara che, in caso di costruzioni di grandi opere, se non viene raggiunto un equilibrio sul piano economico-finanziario, si ha la necessità di avere un contributo pubblico a fondo perduto. Tale contributo, però, andrebbe ad affondare ancora di più la finanza pubblica, che è già in alto mare a causa della forte crisi. Le risorse pubbliche, lo sappiamo bene, non godono in prospertà. Quale soluzione è possibile, dunque?

La risposta sembra semplice: il finanziamento da parte di privati. Qualsiasi privato può decidere di investire in una grande opera pubblica, lasciando così le casse pubbliche libere di utilizzare i fondi per altri progetti più urgenti.

Come fare a spronare l’investimento privato? Con la defiscalizzazione. In questo caso vengono modificate in positivo imposte come Irpef e Irap e il privato può dare il proprio contributo pagando meno tasse del dovuto. L’intera opera, ovviamente, non si avvalerebbe solo del privato, ma sarebbe comunque al 50% un investimento di tipo pubblico e a fondo perduto.

Con questa soluzione si avrebbe un duplice aiuto: da una parte le grandi opere potrebbero essere costruite più facilmente, dall’altra le casse cittadine potrebbero avere più fondi da investire in campi diversi. Il privato, infine, potrebbe essere invogliato a partecipare grazie agli sgravi fiscali promessi.

Con un’unica soluzione si aprono diverse prospettive allettanti: tu cosa ne pensi? Condividi l’idea?

Redazione Edilizia.com
21 Febbraio 2013

Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper