Edilizia.com


138927 Operatori, 139 utenti online.

Iscrivi Gratuitamente su Edilizia.com

Appalti pubblici: le novità dettate dall'UE

Il Parlamento europeo ha dettato le nuove regole in materia di appalti pubblici. Tante le novità previste per gli enti pubblici.

 

appalti pubblici

Gli appalti pubblici e le concessioni hanno nuove regole, dettate direttamente dal Parlamento Europeo. Il principio che guida il cambiamento si basa sulla possibilità per gli enti pubblici di scegliere non l'offerta più bassa, ma quella più vicina alle proprie esigenze e che meglio si adatta al progetto finale. Il 19% del PIL europeo proviene proprio dagli appalti pubblici, che sono da sempre (e restano) una ricchezza inestimabile.

Proprio per questo motivo si è deciso,già dalla scorsa estate, di regolamentrali dando maggiore elasticità al potere decisionale delle PA.

In un bando pubblico, ora, non sarà più il prezzo a determinare il vincitore, ma fattori legati all'ambiente, alla società e lle esigenze espresse dagli enti. Ora le garanzie richieste negli appalti potranno basarsi su più richieste specifiche, dando una maggiore libertà di azione agli enti. Non solo.

I bandi di gara potranno anche servire per trovare una soluzione ad uno specifico problema: questo significa che gli appaltatori potranno scegliere liberamente la soluzione che ritengono mgliore, senza dover calcolare il beneficio del prezzo più basso.

Sono previste modifiche anche per il metodo di accesso ai bandi, che vede una strada sempre più in discesa per le nuove tecnologie: sarà infatti l'online il protagonista della burocrazia del futuro. Tutte le nuove norme sono già state approvate: domani pubblicheremo una guida dettagliata che mostrerà ogni sngola novità.


Articoli Correlati:

Commenta la notizia!

Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper