Edilizia.com


138927 Operatori, 197 utenti online.

Iscrivi Gratuitamente su Edilizia.com

Funi

Un aiuto per capire la fune più adatta al proprio lavoro con riferimenti legislativi e consigli tecnici e pratici...

 

 

In edilizia l´uso delle funi in acciaio è di particolare importanza. Architetti ed Ingegneri propendono sempre di più a creare strutture che siano quasi sorrette dalle funi o almeno diano l´impressione di esserlo, ovvero le tensostrutture.
Quando si parla di funi d´acciaio si parla di un mondo così vasto che risulta sempre più difficile fare la giusta scelta, tranne che si sia ben preparati e soprattutto ben assistiti da tecnici ed Aziende dalla fama ormai confermata.
E´ bene ricordare che una fune non si deve scegliere unicamente per la portata che deve avere ma in base al tipo di lavoro per il quale viene impiegata e per il quale esistono certificazioni di legge che danno le direttive per diametri in base a parametri molto pi complessi.
In edilizia le funi sono usate per la maggior parte dei casi nei macchinari come, grù, torri telescopiche, elevatori, argani, ascensori montacarichi, tensostrutture ed altri ancora.

Generalità


Incominciamo a dare alcune definizioni.....

FILO

 

E´ l´elemento costitutivo della fune di acciaio ed ricavato mediante trafilatura dalla vergella. Attraverso varie operazioni la vergella di un determi­nato diametro si trasforma, per successive riduzioni, in filo di prestabilite caratteristiche dimensionali e meccaniche.
Il filo, destinato a particolari applicazioni, può essere successivamente zincato.
Il rivestimento di zinco ottenuto mediante immersione a caldo in un bagno di zincatura.


TREFOLO

E´ l´insieme di pi fili disposti ad elica attorno ad un´anima centrale costituita da un filo metallico o di fibra tessile naturale o sintetica.


FUNE

E´ l´insieme di pi trefoli avvolti attorno ad un´anima tessile o metallica mediante l´operazione di cordatura. Prima di questa operazione i trefoli sono sottoposti a "PREFORMAZIONE" con lo scopo di conferire loro la forma elicoidale che assumeranno nella formazione finale della fune.

Con la preformazione si acquisiscono i seguenti van­taggi:
a) quando la fune viene tagliata i trefoli non si svolgono e non sono quindi necessarie legature o saldature
b) migliora il comportamento a fatica della fune
c) i fili, in caso di rottura, mantengono la loro posizione
d) sono facilitati il maneggio e l´esecuzione di impalmature, manicottature, ecc.

Nella produzione di cavi speciali, questa operazione non viene eseguita al fine di conferire alla fune maggior stabilità e compattezza.

 

 

 

 

 

 

Normative per le Funi

Normative per le Funi Le Direttive CEE e DPR 673




Condividi



SPONSOR

Uretek Skyscraper